17:53 24 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
208
Seguici su

Nel suo semestre di presidenza, la Germania promuoverà l'espansione del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) "in una specie di Robert Koch Institute europeo", ha affermato il ministro della Sanità, Jens Spahn.

La Ue ha bisogno di implementare"un meccanismo migliore per le crisi sanitarie, proprio come ne abbiamo trovato uno le crisi finanziarie", ha detto il ministro tedesco della sanità Jens Spahn al Rheinische Post. Spahn ritiene che l'unione dovrebbe diventare il "nucleo di un'alleanza per l'assistenza reciproca in caso di pandemia".

"Una sorta di NATO sanitaria" che reagisca rapidamente in caso di epidemia in un Stato membro. A tal scopo sono “necessarie strutture comuni con medici, esperti e risorse", ha detto il ministro.

Rafforzare l'Europa, coordinando le politiche sanitarie, significherebbe non dipendere dal mercato globale per l'approvvigionamento di strumenti e dispositivi sanitari, rendendo i Paesi europei in grado di fronteggiare nella concorrenza internazionale tra USA e Cina.  Un nuovo meccanismo da cui tutti gli Stati dell'Unione trarrebbero beneficio.

"Dobbiamo fidarci e confidare di più nell'Europa, soprattutto in una situazione mondiale sempre più bipolare, che è determinata dalla Cina e dagli Stati Uniti", dice il ministro tedesco. 

La creazione di un meccanismo comune sarà una priorità durante il semestre europeo della Germania, che ha già in programma di promuovere l'espansione del entro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) "in una specie di Robert Koch Institute europeo", ha fatto sapere Spahn.

Tags:
Coronavirus, NATO, Germania, UE
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook