04:10 20 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
156
Seguici su

Proprio a Minneapolis l'agente di polizia Derek Chauvin si è reso responsabile dell'omicidio del 46enne afroamericano George Floyd, scatenando un'ondata di proteste in tutti gli USA.

Il consiglio comunale di Minneapoli ha reso nota la decisione di voler sciogliere il Dipartimento di Polizia di Minneapolis, con nove membri che hanno votato a favore della decisione.

E' stato inoltre riferito che il consiglio nel prossimo futuro presenterà un nuovo sistema per la sicurezza pubblica gestito dalla società civile.

"Decadi di riforme del sistema di polizia hanno dimostrato che il Dipartimento di Polizia di Minneapolis non può essere riformato e che non sarà mai affidabile per le proprie azioni. Oggi siamo qui per avviare il processo di scioglimento del Dipartimento di Polizia di Minneapolis e per iniziare la creazione di un nuovo modello di sicurezza per la nostra città", si legge in una nota.

Annunciando tale decisione, la presidente del consiglio comunale, Lisa Bender, ha riconosciuto che l'attuale sistema di pubblica sicurezza non contribuisce alla reale sicurezza della comunità:

"Siamo qui perché vi ascoltiamo. Siamo qui oggi perché George Floyd è stato ucciso dalla Polizia di Minneapolis. Siamo qui perché qui, a Minneapolis, e in altre città degli Stati Uniti è chiaro che l'attuale sistema di polizia e di pubblica sicurezza non garantisce la sicurezza delle nostre comunità", ha spiegato la Bender.

Da parte sua, il sindaco della città, Jacob Frey, si è detto contrario all'abolizione del Dipartimento di Polizia, con le sue dichiarazioni che sono state immediatamente condannate dai presenti al suo comizio.

Minneapolis è la città dalla quale le proteste contro il razzismo le a violenza da parte della polizia si sono propagate in tutti gli Stati Uniti in seguito all'uccisione del 46enne afroamericano George Floyd, morto per asfissia mentre era tenuto fermo dall'agente Derek Chauvin.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook