16:09 30 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
6218
Seguici su

Alcuni migranti, armati di coltelli, hanno preso d'assalto la cucina di una delle quattro navi, su cui si trovavano da cinque settimane al largo dell'isola dei cavalieri.

La Valletta ha accolto i 425 migranti lasciati da quaranta giorni a bordo di 4 imbarcazioni turistiche al largo di Malta, dopo che alcuni ospiti di una delle navi, la Europe II della Captain Morgan Cruises, hanno assaltato la cucina armati di coltello e lanciato un ultimatum di 30 minuti al governo, minacciato di far esplodere una bombola del gas e sequestrare l'equipaggio. 

Questa domenica il premier Robert Abela ha spiegato all'emittente One, di aver escluso l'intervento delle forze armate per non mettere a repentaglio vite umane e correre altri rischi. Il governo de La Valletta era stato avvisato delle tensioni a bordo nella giornata di sabato. 

"L'AFM (Forze Armate Maltesi) era equipaggiato per mettere la nave sotto il suo controllo. So che avrei potuto essere applaudito per una decisione del genere ... ma avrebbe messo a rischio delle vite", ha dichiarato il primo ministro.

Abela ha riconosciuto le difficoltà dei migranti lasciati al largo per 40 giorni su delle navi turistiche noleggiate da Malta, e punta il dito contro la UE. 

"Abbiamo rispettato il nostro obbligo di salvarli e abbiamo fornito loro le necessità di base", dice, precisando che la UE "era al corrente di questa situazione, ma se ne è lavata le mani". "La UE non ha più scuse per non riallocare i migranti", ha aggiunto. 

Adesso il governo di La Valletta si adopererà per i riallocamenti.

Tags:
Mediterraneo, Migranti, Malta
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook