22:39 21 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
529
Seguici su

Un uomo e una donna che hanno avuto un rapporto sessuale prima del matrimonio hanno ricevuto 100 frustate ciascuno in pubblico nella provincia indonesiana di Aceh, dove vige la Sharia. Tuttavia meno persone del solito si sono presentate per assistere alla fustigazione della coppia, forse per paura del coronavirus.

L'uso della punizione in pubblico prosegue nonostante il divieto di assembramenti per la pandemia di coronavirus. Prima di essere frustata alla coppia è stata misurata la temperatura corporea ed entrambi indossavano le mascherine mentre venivano frustati con un bastone fuori da una moschea, secondo quanto riferito da France Presse. La fustigazione dell'uomo è stata interrotta diverse volte per la sofferenza patita. 

"Questa giovane coppia ha meritato un centinaio di frustate perché ha violato la legge islamica", ha dichiarato Agus Kelana Putra, capo della divisione generale del crimine presso la procura nel distretto di Aceh Besar, ha riferito France Presse.

Anche un altro uomo sorpreso in una stanza d'albergo con una ragazza minorenne è stato frustato 40 volte.

Tuttavia, le fustigazioni hanno attirato meno persone di quanto non facciano normalmente.

"Non sono venute così tante persone oggi o perchè l'hanno visto tante volte o perchè hanno paura del COVID-19", un residente locale ha detto a France Presse.

A gennaio la provincia autonoma di Aceh ha istituito una nuova unità di fustigazione femminile di otto membri per effettuare frustate pubbliche contro le donne che violano le leggi della Sharia, ha riferito all'epoca France Presse.

Human Rights Watch (HRW) ha ripetutamente richiesto che il governo indonesiano sradichi la Sharia ad Aceh.

Secondo HRW, più di 530 persone sono state frustate pubblicamente per varie violazioni della Sharia ad Aceh dal 2015, quando è stato emanato il codice penale islamico nella provincia.

Tags:
Corano, Sharia, Islam, matrimonio, sesso, Società, Indonesia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook