09:38 30 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
La morte di George Floyd (92)
376
Seguici su

Mentre proteste violente si sono diffuse in tutti gli Stati Uniti dopo la morte di George Floyd, sono emersi rapporti secondo cui i servizi segreti statunitensi avrebbero portato Donald Trump nel bunker della Casa Bianca, temendo per la sicurezza del presidente.

Donald Trump ha definito "false" le affermazioni secondo le quali sarebbe stato portato in un bunker sotterraneo venerdì notte per la sua sicurezza mentre i manifestanti si sono avvicinati alla Casa Bianca, protestando per la morte di George Floyd. Il presidente ha ancora confermato di trovarsi in un bunker, anche se per un "periodo molto, molto breve" e per una ragione diversa, secondo la sua intervista esclusiva al conduttore della Fox Radio Brian Kilmeade mercoledì.

“Beh, è ​​stata una notizia falsa. Non ero giù - sono andato giù durante il giorno, e sono stato lì per un breve periodo, ed era più per un'ispezione, non ci sono stati problemi durante il giorno", ha detto il presidente a Kilmeade quando gli è stato chiesto commentare le notizie secondo cui è stato “portato di sotto” nel bunker della Casa Bianca a causa dei disordini nella capitale.

Il presidente degli Stati Uniti ha poi spiegato di aver fatto deviazioni simili "due o tre volte" in passato e "tutte per ispezione".

“Un giorno potresti averne bisogno, ma sono andato lì e sono sceso. L'ho guardato. Questo è avvenuto durante il giorno. Non c'è stato alcun problema, e l'ho visto come una cosa importante. Non c'è mai stato un problema. Non abbiamo mai avuto problemi", ha continuato il presidente.

Domenica, il New York Times ha riferito che "gli agenti dei servizi segreti hanno precipitosamente portato il presidente nel bunker sotterraneo usato in passato durante gli attacchi terroristici", preoccupato per la sicurezza del presidente mentre i manifestanti si radunavano fuori dalla Casa Bianca, lanciando bottiglie e mattoni. Secondo quanto riferito, le informazioni sono state confermate a Fox News da un alto funzionario dell'amministrazione. 

“Nessuno si è mai avvicinato a darci un problema. I servizi segreti svolgono un lavoro incredibile nel mantenere il controllo alla Casa Bianca, e oltre ai servizi segreti abbiamo un sacco di altre persone fantastiche là fuori, compresa la polizia di Washington DC e poi, ovviamente, dopo quello che ho visto quella sera, che è stato brutto ed è sicuramente brutto per Leland (Vittert, giornalista di Fox News), lo penso più di chiunque altro. Abbiamo schierato le truppe”, ha continuato Trump.

Ha notato che gli agenti dei servizi segreti gli hanno detto che "sarebbe un buon momento" per ispezionare il bunker della Casa Bianca perché potrebbe averne bisogno un giorno.

“Sono stato giù per un periodo molto, molto breve. Molto, molto breve periodo di tempo. Non posso dire chi è venuto con me, ma un intero gruppo di persone è venuto con me. E Brian, è stato durante il giorno, non durante la notte”, Trump si è affrettato ad assicurare Kilmeade.

Le proteste in USA

Gli Stati Uniti sono stati interessati da violente proteste per la morte del residente di Minneapolis George Floyd il 25 maggio scorso, con saccheggiatori e rivoltosi che hanno iniziato a terrorizzare varie città importanti in tutti gli Stati Uniti. Diversi governatori statunitensi hanno chiesto lo spiegamento della Guardia Nazionale, incluso il governatore del Minnesota Tim Walz.

Tema:
La morte di George Floyd (92)

Correlati:

Coronavirus impoverisce Donald Trump di 1 miliardo di USD in 3 settimane – Report
Coronavirus, Donald Trump abbandona le strette di mano e passa al “Namaste” - Video
Conte ringrazia Donald Trump: Usa nostri stretti alleati e amici
Tags:
Pentagono
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook