15:37 28 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 28
Seguici su

Dopo più di una settimana di intense proteste di massa, la capitale degli Stati Uniti è stata inondata da migliaia di truppe della Guardia Nazionale. Sono stati avvistati in giro aerei e droni spia, convertiplani e persino un elicottero per il rilevamento nucleare.

Dopo cinque giorni di proteste di massa a Washington, DC, contro la brutalità della polizia e la morte dell'afroamericano del Minnesota George Floyd la scorsa settimana, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha fatto uno spettacolo di forza quasi senza precedenti dispiegando migliaia di truppe nella capitale della nazione.

Martedì sera è stato avvistato un aereo spia della Guardia Nazionale RC-26B sulla città, così come un elicottero speciale Bell 412 allestito dalla National Nuclear Security Agency (NNSA) per "annusare" la radioattività rivelatrice emessa dalle armi nucleari, suggerendo che i funzionari della difesa temevano l'uso di una "bomba sporca". I rapporti non confermati sull'attività dei droni in tutta la città sono apparsi sui social media e mercoledì, gli osservatori hanno anche individuato un convertiplano Osprey V-22, utilizzato dal Corpo dei Marines degli Stati Uniti per il trasporto di truppe.

Sabato e domenica, sono scoppiati numerosi scontri tra manifestanti e polizia, con conseguente uso di spray al pepe e granate stinger e l'arrivo della polizia militare per rafforzare i ranghi della polizia metropolitana DC. Di notte sono seguiti rivolte violente e saccheggi, con conseguente coprifuoco e attivazione della Guardia nazionale della città.

Tuttavia, i manifestanti di lunedì e martedì sono rimasti in gran parte "pacifici", con enormi marce di martedì sera che hanno violato il coprifuoco delle le 19:00.

​Trump lunedì ha dichiarato in un discorso al Rose Garden alla Casa Bianca che stava inviando "migliaia e migliaia di soldati armati pesantemente" in città per reprimere la rivolta e le proteste. Ha quindi minacciato di inviare le forze armate statunitensi in qualsiasi stato che si è rifiutato di attivare la propria guardia nazionale, definendosi "il vostro presidente della legge e dell'ordine".

Secondo quanto riferito Trump ha chiamato lo sforzo "Operazione Themis", in onore del dio greco della legge e dell'ordine, la cui statua con gli occhi bendati è anche conosciuta colloquialmente come "signora giustizia". 

Mercoledì c'erano circa 3.600 militari a Washington DC: 1.300 dalla guardia nazionale della città e altre 2.300 mandate da altri stati, e 1.300 altre unità, tra cui soldati in servizio attivo dell'82a divisione aviotrasportata, che dovrebbero arrivare nei prossimi giorni, ha riferito la CNN, citando un funzionario della difesa statunitense.

Secondo il sindaco di Washington DC Muriel Bowser, i soldati trasportavano spray al pepe, manganelli e attrezzature antisommossa mentre occupavano aree intorno alla città, ma non munizioni letali. 

Mercoledì mattina, a due isolati a nord della Casa Bianca, c'erano anche diverse decine di membri delle squadre di gestione delle crisi delle carceri, meglio conosciute come poliziotti antisommossa. Tuttavia, gli ufficiali si sono rifiutati d'identificare la loro affiliazione con i passanti o con la stampa.

​Da venerdì, più di 400 manifestanti sono stati arrestati a Washington, la maggior parte durante gli sconvolgenti attacchi del lunedì che hanno seguito la dichiarazione di Trump e la violenta rimozione dei manifestanti da Lafayette Park, causando il ferimento di un corrispondente dello Sputnik insieme ad altri membri della stampa . A livello nazionale, ci sono stati più di 9.300 arrestati, secondo un rapporto dell'Associated Press.

In un incidente, centinaia di manifestanti sono stati dispersi dalla polizia nascondendosi nelle case di alcuni residenti. Qui la polizia ha fatto irruzione nelle abitazioni, tra cui una casa in cui è stata gettata una bomboletta di gas lacrimogeno e un'altra che ha aveva dato riparo a 100 manifestanti fino a quando il coprifuoco è stato revocato. In un altro, diversi elicotteri della Guardia Nazionale si sono librati a pochi metri sopra i manifestanti, adoperando una tattica usata dalle truppe statunitensi contro gli insorti in Afghanistan e Iraq per demoralizzarli.

Secondo il DCist, ci sono 67.000 guardie nazionali attivate in tutto il paese, all'incirca lo stesso numero attivato per reprimere le insurrezioni a livello nazionale che seguirono l'assassinio nell'aprile 1968 del leader dei diritti civili neri Dr. Martin Luther King Jr. A Washington DC, furono schierate 11.850 truppe federali e 1.750 membri della Guardia Nazionale per sopprimere le manifestazioni.

Correlati:

Trump promette di schierare l'esercito negli Stati che non fanno uso della Guardia Nazionale
I caccia F-16 della Guardia nazionale USA riceveranno i radar degli F-35
Proteste negli Usa, coprifuoco imposto in 25 città e Trump schiera la Guardia Nazionale
Tags:
Guardia Nazionale, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook