00:38 28 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 61
Seguici su

Le dichiarazioni degli Stati Uniti di imporre sanzioni a Hong Kong a causa della legge sulla sicurezza nazionale sono solo intimidatorie, ha detto il capo dell'amministrazione di Hong Kong Carrie Lam in conferenza stampa mercoledì.

"Questa è nient’altro che intimidazione. Le cosiddette ‘sanzioni’ sono del tutto infondate. Lo status speciale di Hong Kong è determinato dal principio chiamato ‘un paese, due sistemi’ e dalla Legge costituzionale. Le cosiddette ‘sanzioni’ straniere non influenzeranno Hong Kong", ha detto la Lam, che è arrivata a Mercoledì a Pechino per discutere con le autorità centrali la legge sulla sicurezza nazionale.

Ha aggiunto che "il Governo della regione autonoma speciale sostiene pienamente il pertinente lavoro legislativo e la sicurezza nazionale è una priorità assoluta".

Lam ha sottolineato che la redazione di una legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong è una responsabilità costituzionale del Governo centrale della Repubblica Popolare Cinese.

I deputati del Congresso Nazionale del Popolo cinese hanno adottato il 28 maggio "La decisione di creare e migliorare il sistema legale e i meccanismi di applicazione per garantire la sicurezza nazionale nella regione amministrativa speciale di Hong Kong". La risoluzione delega al Comitato permanente lo sviluppo di una legge sulla sicurezza nazionale specifica per Hong Kong.

L'imminente disegno di legge sulla sicurezza nazionale ha provocato l'insoddisfazione delle forze antigovernative di Hong Kong e di un certo numero di funzionari occidentali che hanno visto in questo il desiderio di Pechino di rafforzare il controllo sull'autonomia e ha causato una nuova ondata di proteste. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha già minacciato di applicare sanzioni e revocare lo status speciale di Hong Kong. La Cina ha respinto qualsiasi critica e ha affermato che le questioni di Hong Kong sono esclusivamente affari interni.

Il disegno di legge prevede il divieto di attività sovversive e separatiste. Implica il divieto di tutte le forme di incitamento volte a rovesciare il Governo centrale, nonché il terrorismo e le interferenze esterne.

In precedenza, l'alto rappresentante dell'UE per la politica estera e di sicurezza, Josep Borrell ha dichiarato che l'UE teme che le azioni della Cina possano minare il principio di "un paese, due sistemi" e l'autonomia di Hong Kong.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook