13:40 08 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
Coronavirus: superati i 5 milioni casi nel mondo (21 maggio-22 giugno) (148)
0 11
Seguici su

Secondo il leader democratico svedese Jimmie Åkesson, l'incapacità delle autorità di bloccare l'infezione avrebbe colpito in modo devastante gruppi a rischio vulnerabili. Soprattutto gli anziani.

L'opposizione svedese sta cercando di forzare una commissione per indagare sulla gestione da parte del Governo della crisi del coronavirus.

La proposta ha un ampio sostegno in Parlamento e, se il Governo dovesse resiste alle richieste, il leader del partito moderato Ulf Kristersson si è impegnato a sollevare la questione in seno al Comitato costituzionale, secondo il quotidiano Dagens Nyheter.

Sebbene siano stati ripetutamente emarginati dalla cooperazione con gli altri partiti per via del differente approccio in merito all’immigrazione, i conservatori nazionalisti del partito democratico svedese (in Svezia il Partito Democratico è di destra), hanno svolto un ruolo importante sulla questione della crisi coronavirus. Hanno infatti ripetutamente criticato il Governo e le autorità sanitarie pubbliche per non aver tutelato abbastanza gli anziani e i malati, e hanno chiesto una “Commissione per la verità” per indagare sui numerosi decessi nella case di cura per anziani, i quali hanno posto la Svezia ai vertici dei tassi di mortalità per COVID-19 e suscitato critiche internazionali.

“La Svezia è stata colpita più gravemente di paesi comparabili con un numero di morti significativamente maggiore rispetto ai nostri vicini. L'incapacità di salvaguardare gli anziani dall’infezione ha colpito in modo devastante gruppi a rischio vulnerabili. Il modello svedese di gestione delle crisi ha anche ricevuto forti critiche internazionali”, ha affermato il leader democratico svedese di lungo corso, Jimmie Åkesson, in una dichiarazione sull'iniziativa.

Secondo il partito, gli investigatori dovrebbero invitare e intervistare residenti, parenti e personale nelle strutture di assistenza agli anziani e documentare ciò che è accaduto dietro la chiusura e ha causato morti tra le persone anziane nelle case di cura.

Facendo riferimento al fatto che il modello svedese di gestione delle crisi ha attirato ampie critiche internazionali, i democratici svedesi richiederanno anche una partecipazione internazionale alla commissione sotto forma di competenze politiche, accademiche e mediche da altri paesi. Questo per garantire una prospettiva esterna più obiettiva e per essere più in grado di fare confronti con la gestione delle crisi di altri paesi, sostengono.

Anche gli alleati di coalizione al Governo, il Partito centrale e i liberali, vogliono istituire immediatamente una commissione.

"Accogliamo con favore una commissione di questo tipo e constatiamo che esiste una maggioranza per essere nominata al più presto", ha affermato il leader del Partito liberale Nyamko Sabuni.

Visto che tutti i partiti parlamentari sembrano concordare sulla necessità di aprire una indagine sulla gestione della pandemia, il Governo, che in un primo momento aveva sostenuto che una commissione potesse venire nominata ma solo al termine della crisi, sembra ora propenso ad accettare che una tale commissione venga istituita “il più presto possibile".

"Dobbiamo adottare un approccio olistico per vedere come ha funzionato a livello nazionale, regionale e locale", ha affermato il Primo Ministro Stefan Löfven, come citato dall'emittente nazionale SVT.

Åkesson ha salutato con favore la notizia e sottolineato ancora una volta l'importanza di mettere in evidenza "l’insuccesso della Svezia nel proteggere gli anziani".

Il moderato leader Ulf Kristersson ha sottolineato la necessità di valutare la crisi nel lungo periodo, perché non è ancora chiaro quando finirà.

Le autorità svedesi, con in testa l'epidemiologo di stato Anders Tegnell, avevano inizialmente confidato nella speranza di poter raggiungere l'immunità del gregge. Era stata espressa la speranza di poter raggiungere l’obiettivo prima a maggio, poi a giugno, tuttavia, alla data attuale risulta che solo il 7,3% della popolazione sottoposta al test a Stoccolma abbia sviluppato gli anticorpi. Dato che lo stesso Tegnell pare si stia ricredendo e si stia rassegnando al fatto che l’immunità di gregge non sia altro che “un mito” a queste condizioni.

Con il suo approccio senza blocco, in netto contrasto con la maggior parte del mondo, la Svezia ha visto un bilancio delle vittime molto più alto rispetto ai suoi vicini nordici, con oltre 38.000 casi confermati di contagi e più di 4.400 decessi rispetto ai 8.400 casi e soli 238 decessi della vicina Norvegia . La maggior parte dei decessi registrati erano ultra 80enni.

A causa dei recenti sviluppi, il Governo svedese ha perso l'11 percento dei consensi nell'ultimo sondaggio sulla fiducia, scendendo al di sotto del 50 percento.

Tema:
Coronavirus: superati i 5 milioni casi nel mondo (21 maggio-22 giugno) (148)
Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook