22:39 12 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
La morte di George Floyd (82)
6411
Seguici su

I manifestanti hanno appiccato un incendio alla storica chiesa di Saint John, accanto alla residenza del Presidente Trump. Intanto le scintille della protesta si propagano in altri Stati, da Vancouver a Londra a Aukland, in Nuova Zelanda.

Durante la notte, i manifestanti sono scesi in protesta per le strade della capitale, Washington DC. La rivolta ha lambito la Casa Bianca, con un incendio appiccato alla vicina chiesa di Saint John e diversi cortei dei manifestanti, svolti nei pressi della residenza presidenziale. Nonostante l'imposizione del coprifuoco e lo schieramento della Guardia Nazionale, l'ondata di proteste del nuovo movimento Black Lives Matter ha attraversato i confini, raggiungendo Canada, Gran Bretagna e Nuova Zelanda. 

La chiesa episcopale di St. John's Episcopal, di Lafayette Square, un edificio con oltre 200 anni di storia situato a soli 300 metri dalla Casa Bianca, è stata data alle fiamme dopo esser stata coperta di scritte è graffiti. E' la chiesa presidenziale, in cui ogni capo di Stato si reca durante il suo mandato.

​Le fiamme sarebbero partite dall'interno, da quanto si apprende dai numerosi video. La polizia ha invitato i residenti ad evitare l'area. Nel tentativo di disperdere la folla per permettere l'intervento dei pompieri, gli agenti hanno utilizzato gas lacrimogeno. Allo stato attuale non si conosce l'entità dei danni.

​Oltre alla cattedrale, i rivoltosi hanno appiccato il fuoco anche alla sede della American Federation of Labor and Congress of Industrial Organizations (Afl-Cio), una delle maggiori organizzazioni sindacali del Paese.

​L'intera capitale Washington DC è stata teatro di scontri, disordini e incendi per via delle proteste che da sei giorni scuotono gli Stati Uniti, in seguito alla rabbia e indignazione esplose per l'uccisione di George Floyd tra i cittadini di colore, latini e i moltissimi disoccupati che si sono ritrovati senza un reddito a causa della crisi da Covid, che ha provocato la perdita di oltre 30 milioni di posti di lavoro. 

​In seguito agli episodi di violenza scoppiati durante le rivolte, il presidente Donald Trump ha puntato il dito contro il movimento Antifa, dichiarando di volerlo mettere fuori legge e inserire tra le organizzazioni terroristiche. 

​Le proteste Black Lives Matter

L'ondata di proteste non è rimasta confinata negli Usa. Sui social sono apparsi numerosi video con migliaia di manifestanti in piazza per difendere i diritti umani delle minoranze etniche in numerose città: Montreal, Vancouver, Londra e Aukland (Nuova Zelanda). 

​Le manifestazioni si sono svolte in maniera pacifica, con attivisti per le strade impugnando cartelli e cantando canzoni in memoria di George Floyd, con il motto "I can't breath", ovvero io non respiro, le ultime parole pronunciate dal cittadino afroamericano ucciso la scorsa settimana durante un fermo di polizia. 

​Nella città di Londra migliaia di manifestanti si sono diretti all'ambasciata USA per protestare contro l'uccisione di George Floyd, nonostante le misure di distanziamento dovute alla crisi sanitaria che attanaglia la città. Durante l'assalto all'ambasciata sono stati arrestati 23 attivisti.

​I manifestanti si sono radunati a Trafalgar Square e da lì hanno raggiunto Dowining Street, la residenza del primo ministro. Proteste a Cardiff e a Manchester, dove i cittadini si sono radunati per cantare canzoni in memoria di Floyd a S. Pietro Square. 

La morte di George Floyd

Le proteste sono scoppiate a Minneapolis e in 17 altre città degli Stati Uniti questa settimana, dopo che la morte di George Floyd durante il suo arresto è stata ripresa in un video.

Nel video Floyd, un afroamericano di 46 anni, è stato affrontato da quattro poliziotti e uno di loro si è inginocchiato sul collo per diversi minuti mentre Floyd si lamentava di non riuscire a respirare.

Nelle scorse ore è stato pubblicato il risultato della prima autopsia sul corpo di Floyd, la quale ha escluso asfissia e strangolamento come cause della morte. Tuttavia la famiglia non ha accettato il referto medico e ha chiesto un esame indipendente. Il presidente Trump ha promesso di fare giustizia.

Tema:
La morte di George Floyd (82)
Tags:
Casa Bianca, Washington, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook