20:53 26 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
La morte di George Floyd (92)
273
Seguici su

Nella quinta giornata di proteste, scoppiate in seguito all'uccisione di George Floyd, migliaia di persone scendono in piazza, nonostante i quasi 1400 manifestanti arrestati.

Altra notte di violenti scontri negli Usa, a causa dell'ondata di proteste che ha investito il Paese in seguito all'uccisione  il cittadino di origine afroamericana di 46 anni ucciso da un agente di polizia. Nelle città si sono formate barricate e la polizia ha cercato di disperdere i manifestanti ricorrendo anche allo spray al peperoncino. Durante gli scontri a Indianapolis è morto un manifestante, la terza vittima dall'inizio dei disordini

Oltre 25 città hanno imposto il coprifuoco e una decina di governatori hanno attivato la Guardia Nazionale per dissipare la folla, fermare i saccheggi e impedire un'escalation delle tensioni durante questo fine settimana

Migliaia di persone continuano a scendere in strada a per la quinta giornata e le proteste coinvolgono in 16 Stati, nonostante l'ampio schieramento di forze dell'ordine, che ha visto in operazione anche mezzi blindati. 

​Durante le operazioni di contenimento sono stati utilizzati proiettili di gomma e spray al peperoncino contro i manifestanti ritenuti responsabili di episodi di violenza. In questo video diventato virale sui social, viene mostrato un agente in azione nella città di Brooklyn mentre spruzza dell'urticante in faccia a un giovane fermato, dopo avergli chiesto di togliere la mascherina. 

​Le città che hanno imposto il coprifuoco sono Beverly Hills, Los Angeles, Denver, Miami, Atlanta, Chicago, Louisville, Mineapolis, St. Paul, Rochester, Cincinnati, Cleveland, Columbus, Dayton, Toledo, Eugene, Portland, Philadelphia, Pittsburgh, Charleston, Columbia, Nashville, Salt Lake City, Seattle, Milwaukee y San Francisco. 

Con queste rigide misure le autorità sperano di fermare i continui episodi di saccheggio e violenza, dovuti alla rabbia esplosa in seguito alla morte di Floyd. Tensioni che negli scorsi giorni hanno già provocato altre due vittime, un giovane di 19 anni e un agente di polizia, raggiunti da un proiettile durante i disordini di Detroit e Oakland, California.

La morte di George Floyd

Le proteste sono scoppiate a Minneapolis e in tantissime altre città degli Stati Uniti questa settimana, dopo che la morte di George Floyd durante il suo arresto è stata ripresa in un video.

Nel video Floyd, un afroamericano di 46 anni, è stato affrontato da quattro poliziotti e uno di loro si è inginocchiato sul collo per diversi minuti mentre Floyd si lamentava di non riuscire a respirare.

Nelle scorse ore è stato pubblicato il risultato della prima autopsia sul corpo di Floyd, la quale ha escluso asfissia e strangolamento come cause della morte. Tuttavia la famiglia non ha accettato il referto medico e ha chiesto un esame indipendente. Il presidente Trump ha promesso di fare giustizia.

Tema:
La morte di George Floyd (92)
Tags:
Donald Trump, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook