15:09 28 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
2153
Seguici su

Di ritorno da Cape Canaveral, in Florida, Trump non ha escluso che in futuro il format del G7 potrebbe essere allargato ad un maggior numero di Paesi, tra cui potrebbe esserci anche la Russia.

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump ha annunciato un nuovo rinvio per il summit del G7, inizialmente ricalendarizzato per il prossimo mese di giugno.

Come riferito dal capo di stato ai giornalisti presenti sull'Air Force One durante il rientro da Cape Canaveral, in Florida, l'intenzione dell'amministrazione USA è quella di allargare ad un maggior numero di Paesi un vertice al quale potrebbero essere in futuro invitati anche India, Australia, Corea del Sud e Russia.

"Ho deciso di rinviarlo perché non credo che il G7 rappresenti in maniera adeguata la situazione nel mondo", ha detto Trump.

Il tycoon ha quindi dichiarato che una nuova data per il G7 non è ancora stata individuata, suggerendo che due finestre temporali papabili potrebbero essere il mese di settembre, a cavallo dell'Assemblea generale dell'ONU a New York, o novembre, dopo le elezioni americane.

Tra i motivi che hanno portato a posporre l'evento, inoltre, c'è senza alcun dubbio il forfait alla partecipazione da parte della cancelliera tedesca Angela Merkel, che tramite il suo portavoce Steffen Seibert aveva già reso noto che non si sarebbe recata a Washington.

Il summit del G7

Il summit del G7, che avrebbe dovuto tenersi negli Stati Uniti, era stato cancellato da Trump a marzo in ragione dell'insorgenza della pandemia di Covid-19.

Tuttavia, in un tweet dello scorso 20 maggio, lo stesso tycoon ha auspicato una ricalendarizzazione per lanciare un segnale di normalizzazione.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook