01:07 22 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
Coronavirus: superati i 5 milioni casi nel mondo (21 maggio-22 giugno) (148)
181
Seguici su

Nonostante le autorità sanitarie e i ricercatori svedesi abbiano puntato sull'immunità di gregge, solo il 7,3% degli abitanti di Stoccolma, residenti nella città più colpiti dal COVID-19 in tutto il paese, sembrano aver sviluppato anticorpi.

Meno svedesi di quanto si pensasse in precedenza hanno sviluppato anticorpi al COVID-19, hanno indicato i test dell'autorità nazionale della sanità, mettendo in discussione le speranze del paese di raggiungere l'immunità di gregge nel prossimo futuro.

Stoccolma sembra avere la più grande percentuale di test positivi sugli anticorpi al 7,3%, quasi il doppio del 4,2% nella contea di Skåne e del 3,7% nella contea di Västra Götaland, che ospita la terza e la seconda città del paese, Malmö e Göteborg, rispettivamente.

Questa cifra ha lasciato perplessi molti scienziati, tra cui il professor Tom Britton dell'Università di Stoccolma, che inizialmente aveva previsto l'immunità di gregge a un certo momento a maggio, in seguito per spostare la sua prognosi a giugno.

"Questo significa che le mie previsioni e le previsioni dell'Autorità Nazionale per la Sanità potrebbero essere state completamente sbagliate", ha detto il professore di matematica all'emittente nazionale SVT, vedendola come "cattive notizie per l'immunità di gregge". "Credo che tutti sarebbero molto più felici se fossero stati sviluppati più anticorpi", ha aggiunto.

Britton ha anche riflettuto sul fatto che chiunque sia infetto potrebbe non sviluppare necessariamente anticorpi. Almeno non ad un livello che può essere rilevato dai test. Questa possibilità è stata anche sottolineata dall'immunologo Petter Brodin.

"Può darsi che si possa avere un'infezione lieve e quindi anticorpi misurabili molto deboli. Ciò non significa che non ci sia già l'immunità, anche se il test degli anticorpi è negativo”, ha affermato Brodin, sottolineando che i test non sono perfetti.

L'immunologo di stato svedese Anders Tegnell, tuttavia, ha suggerito che i test sugli anticorpi riflettono una situazione obsoleta.

“Non siamo al 7%. Siamo intorno al 20% in più a Stoccolma", ha assicurato Tegnell.

Tuttavia, Tegnell stesso, che ha ripetutamente propagandato l'immunità come una soluzione, si è notevolmente allontanato da questa opinione affermando che "solo un vaccino può davvero fermare l'infezione e qualsiasi altra cosa è un mito".

La strategia svedese contro il COVID-19

Sin dallo scoppio dell'epidemia, i politici e i funzionari sanitari svedesi, incluso Tegnell, hanno fatto affermazioni contraddittorie sull'immunità di gregge, alternando lodi come "unica soluzione affidabile" e successive merce indietro come strategia efficace. Alcune autorità epidemiologiche di livello inferiore hanno ammesso apertamente che l'immunità di gregge era effettivamente l'obiettivo voluto.

Con il suo approccio autonomo senza lockdown, la Svezia ha visto 32.172 casi confermati e 3.871 decessi. La strategia svedese di tenere aperte la maggior parte delle scuole, ristoranti, bar e aziende ha portato a critiche interne ed esterne a causa del tasso di letalità molto più elevato rispetto ai suoi vicini nordici (235 in Norvegia e 306 in Finlandia).

Tema:
Coronavirus: superati i 5 milioni casi nel mondo (21 maggio-22 giugno) (148)

Correlati:

Strategia anti Covid della Svezia segna maggior numero di decessi pro capite in Europa
A cosa ha portato la “peculiare decisione” della Svezia di non introdurre la quarantena
Svezia prevede l'immunità di gregge a Stoccolma a giugno
Tags:
Coronavirus, epidemia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook