23:48 02 Giugno 2020
Mondo
URL abbreviato
103
Seguici su

Per sconfiggere il coronavirus c'è bisogno di un vaccino accessibile a tutti, libero da brevetti e vincoli di ogni genere. L'appello di 140 premier e personalità della scienza, tra cui il nobel Joseph Stiglitz.

La lotta contro il Covid-19 è una sfida per l'umanità e per vincerla c'è bisogno che i profitti vengano messi in secondo piano e che il vaccino sia accessibile a tutti, anche ai Paesi più poveri. E' questa la richiesta che giunge da capi di stato e scienziati, in risposta alla polemica scoppiata con il gigante biotech Sanafi, che aveva annunciato un canale preferenziale per gli USA, in caso di scoperta di un vaccino efficace. 

L'appello è stato lanciato in vista dell'Assemblea Mondiale della Sanità, l'organismo dell'Oms che si riunirà il 18 maggio alla presenza dei ministri della salute di 194 stati membri, per chiedere ai governi e alle aziende farmaceutiche di assumere l'impegno di garantire l'accesso alle cure, ai dispositivi e soprattutto al vaccino a tutti i paesi del mondo, gratuitamente ed equamente. 

La carta è stata firmata da 140 personalità mondiali, tra cui capi di Stato e governo attuali o passati e personalità del mondo scientifico. Tra questi il presidente del Sudafrica e dell'Unione Africana, Cyril Ramaphosa, del Senegal, Macky Sall, del Ghana, Nana Addo Dankwa Akufo-Addo, e il primo ministro pakistano, Imran Khan, l' ex premier come il britannico, Gordon Brown, il brasiliano, Fernando Henrique Cardoso, l'ex presidente della Commissione europea, Jose Manuel Barroso, il premio Nobel per l'Economia, Joseph Stiglitz e organizzazioni internazionali come UNaids e Oxfam.

"I governi e i partner internazionali devono unirsi nella richiesta di una garanzia globale che garantisca che, quando verrà sviluppato un vaccino sicuro ed efficace, venga prodotto rapidamente su scala e reso disponibile a tutte le persone, in tutti i Paesi, gratuitamente. Lo stesso vale per tutti i trattamenti, la diagnostica e altre tecnologie per Covid-19", si legge nella lettera.

Il vaccino un bene globale

"In quanto paesi dell'Africa, siamo fermamente convinti che il vaccino Covid-19 debba essere privo di brevetto, prodotto e distribuito rapidamente e gratuito per tutti”, ha detto il presidente sudafricano.

Ramaphosa chiede che quello anti-covid sia un "vaccino del popolo", che serva a vaccinare anche la parte più povera della popolazione mondiale. Per vaccinare questa porzione di popolazione mondiale, composta da circa 3,7 miliardi di persone, serviranno circa 25 miliardi di dollari, meno dei $30 miliardi che le 10 maggiori biotech del farmaco guadagnano in quattro mesi, si legge nell'appello. 

Tags:
Coronavirus, vaccino
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook