09:04 05 Giugno 2020
Mondo
URL abbreviato
Coronavirus: superati i 4 milioni casi nel mondo (10-20 maggio) (103)
0 41
Seguici su

Esperti delle Nazioni Unite e Organizzazione Mondiale della Sanità hanno messo in guardia dai rischi di disagio mentale che l’isolamento sociale, le privazioni, la povertà e l’ansia potrebbero indurre in milioni di persone in aggiunta alla già grave situazione sanitaria conseguente al coronavirus.

Una crisi di disagio mentale si profila mentre milioni di persone in tutto il mondo sono circondate da morte e malattia e costrette all'isolamento, alla povertà e all'ansia dalla pandemia di COVID-19, hanno detto giovedì gli esperti delle Nazioni Unite.

"L'isolamento, la paura, l'incertezza, i disordini economici: tutti ciò causa o potrebbe causare disagio psicologico", ha dichiarato Devora Kestel, direttore del dipartimento di salute mentale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Presentando un rapporto delle Nazioni Unite e una guida politica su COVID-19 e salute mentale, Kestel ha affermato che è probabile un aumento del numero e della gravità delle malattie mentali e che i governi dovrebbero porre la questione "al centro" delle loro agende.

"La salute mentale e il benessere di intere società sono state gravemente colpite da questa crisi e sono una priorità da affrontare con urgenza", ha detto ai giornalisti durante un briefing.

Il rapporto ha messo in evidenza interi settori della società che potrebbero essere vulnerabili al disagio mentale - inclusi bambini e giovani isolati da amici e da scuola, operatori sanitari che vedono morire centinaia di pazienti infettati dal coronavirus.

Studi e sondaggi emergenti stanno già dimostrando l'impatto del COVID-19 sulla salute mentale a livello globale. Gli psicologi affermano che i bambini sono ansiosi e in diversi paesi sono stati registrati aumenti nei casi di depressione e ansia.

La violenza domestica è in aumento e gli operatori sanitari stanno segnalando un crescente bisogno di supporto psicologico.

Al di fuori del settore sanitario, il rapporto dell'OMS afferma che molte persone sono angosciate dagli impatti immediati sulla salute e dalle conseguenze dell'isolamento fisico, mentre molte altre hanno paura dell'infezione, della morte e della perdita di familiari.

Milioni di persone stanno affrontando disordini economici, avendo perso o rischiando di perdere il proprio reddito e mezzi di sussistenza, ha aggiunto. Inoltre la frequente disinformazione o al contrario l’infodemia (eccesso di informazioni non vagliate) non fa che accuire l’incertezza sulla durata della crisi rendendo le persone ansiose e senza speranza per il futuro.

​Per far fronte a tutto questo la professoressa Kestel nel suo rapporto suggerisce una linea di azione per i responsabili politici che possa “ridurre l’immensa sofferenza tra centinaia di milioni di persone e mitigare i costi sociali ed economici a lungo termine per la società”.

Tra i vari suggerimenti, particolare accento viene messo a quello di rivalutare e tornare ad investire nei servizi di assistenza psicologica pubblica e nel sostegno a chi rischia di perdere il lavoro.

Tema:
Coronavirus: superati i 4 milioni casi nel mondo (10-20 maggio) (103)
Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook