16:34 01 Giugno 2020
Mondo
URL abbreviato
Coronavirus: superati i 4 milioni casi nel mondo (10-20 maggio) (103)
0 31
Seguici su

La Commissione Europea consiglia agli Stati membri di riaprire le frontiere solo con Stati che presentano situazioni epidemiologiche simili, ma avverte di non essere discriminanti.

L’Unione Europea consiglia la riapertura dei confini interni solo sulla base di una situazione epidemiologicamente simile tra Stati e regioni confinanti.

Una libertà di movimento da mettere in campo in base a scelte discriminanti quella proposta dall’Unione Europa ai suoi Stati membri, nelle linee guida presentate oggi dalla Commissione Europea.

Le linee guida scritte dalla Commissione Turismo e trasporto dell’UE includono cinque pacchetti di norme e raccomandazioni che vanno dalla strategia complessiva che ogni stato membro dovrebbe mettere in campo per affrontare la riapertura in questo 2020 e per andare oltre, informazioni per un approccio comune alla libertà di movimento delle persone e un insieme di strumenti e raccomandazioni per una graduale riapertura delle frontiere a favore del turismo intra-europeo.

Situazioni epidemiologiche simili

La Commissione consiglia una riapertura con un approccio coordinato tra gli Stati confinanti che hanno “situazioni epidemiologiche sufficientemente simili”.

L’approccio deve comunque essere flessibile, con “la possibilità di reintrodurre determinate misure se la situazione epidemiologica dovesse richiederlo”.

3 i criteri su cui gli Stati dell’Ue dovrebbero basare le loro politiche sulla libera circolazione delle persone:

  1. criterio epidemiologico in base alle linee guida dell’ECDC;
  2. criterio dell’applicabilità di misure di contenimento flessibili;
  3. criterio della prioritizzazione delle aree geografiche con maggiori interessi economici e commerciali lungo i confini nazionali.

Il principio di non discriminazione

“Il principio di non discriminazione è di particolare importanza”, scrive anche la Commissione UE nelle linee guida rivolte agli Stati membri.

Potrebbe però risultare difficile non discriminare se le stesse linee guida invitano alla riapertura e all’accoglienza solo tra e verso Paesi con il più basso numero di contagi.

Ripresa dell’attività turistica

L’Unione Europea ha fornito delle linee guida anche per il settore del turismo attraverso cui intende garantire la ripresa del comparto, sviluppando linee guida per hotel e ristoranti come ha fatto l’Inail in Italia.

In precedenza oggi il cancelliere austriaco Sebastian Kurz ha escluso riapertura a breve del confine tra Austria e Italia

Tema:
Coronavirus: superati i 4 milioni casi nel mondo (10-20 maggio) (103)

Correlati:

Gualtieri risponde alla Commissione Ue
Coronavirus, Commissione Ue pronta a sospendere il Patto di Stabilità
Coronavirus Europa, Commissione Ue apre agli aiuti di Stato a imprese e compagnie aeree
Tags:
Commissione Europea, Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook