18:22 03 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
Chi ha causato la Seconda Guerra Mondiale? Controversia tra Russia e Polonia (38)
10275
Seguici su

È noto che inizialmente Stalin tentò di trovare degli alleati tra le democrazie occidentali che, tuttavia, contavano piuttosto su uno scontro tra i 2 sistemi totalitari. L’Unione sovietica propose loro una coalizione contro Hitler, ma i Paesi occidentali temevano il bolscevismo e preferirono fare delle concessioni a Hitler.

Di Ivo Šebestík, dottore in scienze filosofiche, giornalista, storico e traduttore

Anzitutto ci tengo a precisare che non sono un esperto della Seconda guerra mondiale. I miei interessi di ricerca sono sempre stati rivolti verso l’antichità e l’Alto Medioevo. Tuttavia, la storia del XX secolo è il naturale prologo della contemporaneità ed esercita su di essa una grande influenza.

È noto che inizialmente Stalin tentò di trovare degli alleati tra le democrazie occidentali che, tuttavia, contavano piuttosto su uno scontro tra i 2 sistemi totalitari.

PhDr. Ivo Šebestík
Ivo Šebestík
PhDr. Ivo Šebestík
Tale scontro avrebbe annullato il potenziale dei sistemi così da permettere ai Paesi occidentali di occuparsi di risanare l’economia della desolata Europa centrale e orientale. La Germania poi aveva in Europa molti alleati, diversi Paesi stavano concludendo con i tedeschi dei patti d’alleanza, come fece la Polonia. Alcuni circoli occidentali ritenevano che un attacco di Hitler a Est avrebbe posto fine all’intervento militare dei Paesi occidentali dopo la Prima guerra mondiale (guerra sovietico-polacca inclusa). Le democrazie occidentali negli anni ’30 avevano forze a sufficienza per soffocare sul nascere l’atteggiamento aggressivo di Hitler. L’Unione sovietica propose loro una coalizione contro Hitler, ma i Paesi occidentali temevano il bolscevismo e preferirono fare delle concessioni a Hitler.

Probabilmente vanno considerati anche gli eventi che portarono alla conclusione dell’alleanza con la Germania nazista, ossia il Patto Ribbentrop-Molotov. Questo patto decretò un isolamento dell’URSS ed era finalizzato a ritardare lo scontro con Hitler e a spostare il confine sovietico verso Ovest. Tra le misure strategiche adottate dall’URSS vi fu anche la Guerra d’inverno con la Finlandia finalizzata a creare un cuscinetto di sicurezza attorno a Leningrado. Questo non giustifica le misure adottate da Stalin, ma funge solamente da spiegazione sine ira et studio, ossia senza opinioni aprioristicamente moralistiche. La Finlandia, tra l’altro, intratteneva stretti rapporti con la Germania di Hitler. L’esercito tedesco era pronto in qualsiasi momento a sbarcare in Finlandia.

Il grande errore di Stalin fu quello di credere che la Germania avrebbe adempiuto alle obbligazioni del patto. Stalin, infatti, osservò i vincoli contrattuali in capo all’URSS fino all’attacco tedesco nell’ambito dell’Operazione Barbarossa. A mio avviso, all’inizio della marcia tedesca in URSS Stalin commise gravi errori e mise i propri soldati e ufficiali nella condizione necessaria di imparare l’arte della guerra direttamente sul campo. L’onere maggiore della guerra se lo sobbarcarono i soldati e i loro comandanti. E tutti coloro che in un modo o nell’altro lavoravano nelle retrovie per supportare la prima linea del fronte.

Già da alcuni anni Mosca parla pubblicamente dei tentativi operati dai Paesi occidentali di riscrivere la storia della Seconda guerra mondiale anche ricorrendo allo svilimento del ruolo dell’esercito sovietico. Riporto un estratto di un articolo pubblicato dal Wall Street Journal nel 2005: “Oggi i revisionisti sostengono che il principale merito della vittoria su Hitler sia dell’URSS; infatti, è proprio sul Fronte orientale che le truppe tedesche hanno subito ben due terzi delle perdite vive. Tuttavia, la Russia, a differenza degli anglo-americani, ha combattuto solamente su un fronte”.

Chiaramente nessuno vuole mettere in discussione il contributo degli alleati occidentali nel raggiungere questa vittoria condivisa, ma non vi sembra che questa argomentazione dell’unico fronte sia un po’ di parte?

Sì, l’Unione sovietica ha combattuto su un “solo” fronte, ma si trattava di un fronte enorme: da Mosca a Berlino, da Leningrado al Caucaso. Tra l’altro, alla Conferenza di Jalta nel febbraio del 1945 Stalin promise agli alleati di avviare una guerra con il Giappone entro 3 mesi dalla fine della guerra in Europa. Lo promise e lo fece. Evidentemente Stalin fu molto più puntuale dei suoi alleati con la loro promessa di aprire un secondo fronte in Europa. Ad ogni modo l’URSS vinse contro il Giappone che vantava una superiorità tecnica e quantitativa. Ancora, però, non si capisce perché gli USA dovettero sganciare sul Giappone due bombe atomiche.

L’obiettivo di riscrivere la storia della Seconda guerra mondiale è finalizzato a fornire una nuova interpretazione di quel periodo secondo la quale: a) Gran Bretagna, Francia e USA cercano di lavarsi le mani per aver permesso a Hitler di guadagnare potere e di esercitare pressioni sull’Europa orientale (Drang nach Osten); b) si minimizza il ruolo dell’Unione sovietica nella sconfitta della Germania; c) la colpa della Germania di aver avviato una guerra in Europa e la colpa dei Paesi occidentali di aver operato scelte troppo tattiche vengono divise tra Germania e URSS.

Le democrazie occidentali sono le maggiori responsabili della Seconda guerra mondiale. Nel caso della Cecoslovacchia i Paesi occidentali hanno adottato la posizione tedesca dato che comunque Boemia e Moravia da tempi immemori erano parte dell’impero tedesco. Di conseguenza, i tedeschi non annessero il territorio ceco, ma semplicemente se lo “ripresero”. Un po’ come successe con l’Austria. Poi, le democrazie occidentali contavano sul fatto che Hitler avrebbe limitato le sue aggressioni all’Europa centrale e all’area europea dell’Unione sovietica. Hitler fece loro credere questo e loro ci credettero. Finché succede agli altri va bene, no? Pertanto i loro calcoli egoistici e immorali non fanno che gettare ombra sul ruolo da loro svolto nella guerra e prima di essa.

Chiaramente i racconti dei contemporanei hanno influito sulla mia percezione della Seconda guerra mondiale. Si tratta di un’esperienza che è stata tramandata in maniera indiretta. Il mio bisnonno fu ucciso dai tedeschi durante un interrogatorio della Gestapo, mia madre fu mandata ai lavori forzati. Ho visitato personalmente il campo di concentramento di Auschwitz diverse volte. Sono stato a Volgograd. Come la maggior parte dei cechi della mia generazione, nutro un profondo rispetto per tutti i soldati che hanno combattuto contro la Germania nazista sui fronti orientale e occidentale.

Gli Stati Uniti non hanno alcun problema con i regimi di stampo feudale, che torturano e sputano sentenze, ma si preoccupano piuttosto dei cosiddetti valori occidentali. Analogamente il mondo capitalista occidentale non avrebbe problemi con la Russia se questa non gli impedisse di ottenere del profitto. La lotta per la libertà e la democrazia era e resta solo un motto secondario.

Ovviamente Stalin ha commesso dei crimini contro il suo stesso popolo. Ma non ha forse espiato questi crimini, almeno in parte, vincendo sul nazismo? È chiaro che, se non avesse conseguito lo stesso risultato alla fine effettivamente raggiunto, di fatto una nazione ceca (e non solo) non sarebbe nemmeno esistita. Sarebbe stata parzialmente asservita, rasa al suolo e germanizzata. Pertanto, la questione concernente i crimini e i meriti di Stalin è complessa come qualsiasi questione riguardante la guerra oggetto di questa trattazione. Come scrive Schiller nel suo Inno alla gioia sarà la giustizia suprema a giudicare i nostri giudici. 


Ivo Šebestík è dottore in scienze filosofiche, giornalista, storico e traduttore. Ha studiato presso la Facoltà di Filosofia dell’Università Masaryk di Brno. In passato ha lavorato come osservatore politico e come redattore capo della rivista locale Svoboda nell’ufficio di Ostrava. È stato anche a capo della sezione notizie presso lo studio di Ostrava di Česká televize (la televisione nazionale ceca). Ha insegnato giornalismo come professore a contratto presso le università di Olomouc e Ostrava. Dal 2004 vive a Bruxelles. Šebestík ha pubblicato 6 libri in traduzione da inglese, francese e tedesco, numerosi testi per il giornalismo e diversi libri, soprattutto a proposito della cultura belga e olandese (Lettere dal Brabante e le Fiandre; Lettere olandesi; Saggio e commenti). Tra i suoi interessi centrali vi sono la storia, la letteratura europea, la musica classica, i media e le relazioni internazionali contemporanee.

Tema:
Chi ha causato la Seconda Guerra Mondiale? Controversia tra Russia e Polonia (38)
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook