16:29 01 Giugno 2020
Mondo
URL abbreviato
0 40
Seguici su

Il governo di Zagabria pensa a un corridoio turistico anti-covid sull'Adriatico, per cittadini provenienti da Paesi vicini, meno colpiti dall'epidemia. E la Spagna pensa ad accordi per il turismo, puntando alla Germania per far ripartire Andalusia e Baleari.

Spagna e Croazia pensano a una ripartenza del turismo, settore strategico per l'economia di molti territori, che ha particolarmente risentito della crisi da coronavirus. Allo studio l'ipotesi di corridoi turistici e accordi bilaterali. L'obiettivo è la Germania, paese che si sta riprendendo rapidamente dal lockdown è che ha già annunciato la volontà di rilanciare i viaggi all'estero all'interno della UE. 

La Spagna riapre le spiagge

Nonostante sia il paese con il maggior numero di contagi in Europa, la Spagna ha annunciato la riapertura degli stabilimenti balneari, che potrebbe avvenire addirittura in anticipo. 

In Andalusia, infatti, il governo locale ha chiesto al consiglio sanitario di anticipare l'apertura dei lidi al 25 maggio. 

Le isole Balneari, invece, lavorano con la Germania per il ripristino dei voli turistici. "Dobbiamo essere in grado di ristabilire l'attività prima di chiunque altro, perché dipendiamo dal turismo più di qualsiasi altro territorio spagnolo", ha detto la presidente Francina Armengol al parlamento regionale. 

La ripresa dell'attività turistica, tuttavia, avverrà con le restrizioni e la contingentazione delle spiagge necessaria al distanziamento, nel rispetto delle misure anticoronavirus. 

Il corridoio turistico in Croazia

Nessuna restrizione, invece, per l'accesso alle spiagge croate. La restrizione sarà "a monte". Zagabria ha creato un corridoio turistico con Austria, Slovenia, Repubblica Ceca e Germania, lungo l'Adriatico, per poter creare una sorta di "area anti-covid" tra quei Paesi che non sono stati travolti dall'epidemia o dove è stato sconfitto. 

La chiave è la convergenza della situazione epidemiologica", ha detto il primo ministro croato Andrej Plenković. "Quello che ho avviato a livello di Consiglio europeo è una discussione sul come trovare un modo comune dell'Ue per vedere come consentire ai nostri cittadini di viaggiare da un paese all'altro".

 

 

 

 

 

Tags:
Spagna, Croazia, Turismo, Europa
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook