04:07 02 Giugno 2020
Mondo
URL abbreviato
La pandemia del coronavirus: superati i 3 milioni di casi nel mondo (27 aprile - 10 maggio) (106)
3101
Seguici su

L'amministrazione Trump ha affermato di avere prove del fatto che il virus SARS-CoV-2 è nato nel laboratorio di Wuhan, una struttura che studia alcuni dei patogeni più pericolosi del mondo. La Cina nega che il virus sia fuoriuscito dal laboratorio e l'OMS ritiene che non sia stato creato dall'uomo.

Un media statali cinese ha criticato il "bluff" del segretario di Stato americano Mike Pompeo con le sue affermazioni sulle origini del nuovo coronavirus.

Il Global Times ha pubblicato domenica un articolo che rimproverava Pompeo per "accuse infondate".

La testata cinese ha suggerito che Pompeo "dovrebbe presentare questa cosiddetta prova al mondo, e in particolare al pubblico americano che cerca continuamente di ingannare".

"La verità è che Pompeo non ha prove e durante l'intervista di domenica stava bluffando", si legge nell'editoriale.

“Mentre sono in corso le campagne elettorali presidenziali statunitensi, l'amministrazione Trump ha implementato una strategia progettata per distogliere l'attenzione dall'incompetenza che ha mostrato nel combattere la pandemia. È chiaro che il loro obiettivo è incolpare la Cina per la pandemia indicando il Paese come la fonte del COVID-19".

Cosa ha detto Pompeo?

Pompeo, che negli ultimi anni ha presieduto la rigida strategia "anti-cinese" di Washington, ha affermato domenica che esistono "prove" che un laboratorio di alta sicurezza nella città cinese di Wuhan sia la fonte della pandemia di coronavirus. Donald Trump ha fatto una dichiarazione simile giorni prima e ha minacciato di imporre nuove tariffe alla Cina.

Il segretario appariva confuso nel sostenere che il virus fosse stato creato dall'uomo o se si fosse originato naturalmente e sia fuoriuscito accidentalmente dal laboratorio. “I migliori esperti finora sembrano pensare che sia stato creato dall'uomo. Non ho motivo per non crederci a questo punto", ha detto ad ABC.

L'intervistatore ha poi ricordato a Pompeo che l'intelligence americana aveva affermato esattamente il contrario, a cui ha risposto: "Esatto. Sono d'accordo."

Pompeo ha creato ancora più confusione dopo aver detto in un'intervista radiofonica lo stesso giorno che "non sappiamo esattamente da dove arrivi (il virus). Non sappiamo se provenga dall'Istituto di virologia di Wuhan".

Ha anche affermato che la Cina aveva intenzionalmente nascosto la gravità dell'epidemia e accumulato scorte mediche prima che fosse ufficialmente confermato una pandemia.

Pechino ha respinto le accuse degli Stati Uniti e ha negato qualsiasi cattiva gestione del virus, affermando l'amministrazione Trump sta cercando così di distogliere l'attenzione pubblica dai suoi stessi passi falsi nella lotta contro la pandemia.

Oggi l'Oms ha dichiarato di non aver ricevuto dati o prove specifiche dagli Stati Uniti sull'origine del coronavirus che ha provocato l'attuale pandemia.

Tema:
La pandemia del coronavirus: superati i 3 milioni di casi nel mondo (27 aprile - 10 maggio) (106)

Correlati:

Mike Pompeo arriva in Italia, discuterà di dazi e Libia
Ricercatore USA: "altamente improbabile" che il coronavirus provenga da laboratorio di Wuhan
Pompeo: gran numero di prove su provenienza del coronavirus dal laboratorio di Wuhan
Tags:
SARS, Donald Trump, Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook