07:14 25 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 100
Seguici su

Il cacciatorpediniere missilistico Kidd della marina degli USA è giunto alla base navale San Diego, in California, dopo che sulla nave è stato rilevato un focolaio del nuovo coronavirus COVID-19.

In precedenza la marina militare degli USA aveva dichiarato che al 45% dei membri dell'equipaggio della USS Kidd sono stati fatti tamponi per COVID-19, rilevando 47 casi di positività alla malattia (su 350 marinai sulla nave).

Il cacciatorpediniere Kidd non è di stanza alla base navale di San Diego, ma data la situazione, è stato deciso di spostare la nave nel porto più vicino.

Dopo l’arrivo della nave a San Diego il comando militare prenderà le ulteriori decisioni nei confronti dei membri dell’equipaggio a seconda dei risultati dei tamponi.

“Tutti i marinai saranno isolati fuori dalla nave con controlli medici due volte al giorno. I membri dell'equipaggio che sono risultati negativi entreranno in quarantena per un periodo di osservazione, con visite giornaliere di specialisti militari medici per monitorare i sintomi. Infine, un piccolo contingente di marinai risultati negativi al test rimarrà sulla nave per servizi essenziali e pulizia approfondita.”, si legge in un comunicato della Flotta del Pacifico degli Stati Uniti.

Il cacciatorpediniere Kidd era impiegato in un’operazione contro il traffico delle sostanze stupefacenti dall’America Latina.

Nella settimana scorsa i media hanno riportato che i casi di contagio da COVID-19 sono stati registrati su 40 navi della marina militare statunitense. Su 26 navi rimanevano membri di equipaggio positivi mentre su altre 14 navi i marinai che avevano contratto il virus sono guariti.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook