04:59 02 Giugno 2020
Mondo
URL abbreviato
2103
Seguici su

Oltre che da Pechino, le acque del Mar Cinese Meridionali sono reclamate anche da Vietnam, Filippine, Brunei, Malesia e Taiwan.

Il Ministero degli Esteri cinese, in una nota diffusa dal portavoce Geng Shuang, ha avvertito che i tentativi di negare la sovranità di Pechino sul Mar Cinese Meridionale sono destinati a fallire.

Nel suo intervento, Shuang ha fatto riferiemnto a quelle che sono state definite delle rivendicazioni illegali da parte del Vietnam nel Mar Cinese Meridionale.

Nei giorni scorsi il governo vietnamita ha presentato una mozione alle Nazioni Unite, protestando contro i tentativi di Pechino di rafforzare la propria presenza nell'area contesa.

I contrasti tra i due Paesi si sono acuiti dopo un incidente marittimo, avvenuto lo scorso anno, con una nave della Guardia Costiera cinese che, stando alle ricostruzioni fornite da Hanoi, avrebbe affondato un peschereccio vietnamita.

La questione del Mar Cinese Meridionale

Il Mar cinese, diviso in Mar cinese meridionale e Mar cinese orientale è un complesso mosaico di dispute territoriali e mire espansionistiche che coinvolgono Cina, Giappone, Corea del Sud, Vietnam, Filippine, Brunei, Taiwan e Malaysia.

L’origine del conflitto è riconducibile a una cartina pubblicata nel 1947 dal Kuomintang, il governo nazionalista cinese che, attraverso undici linee tratteggiate, poi diventate nove, definì quelle che erano le rivendicazioni cinesi nelle acque tra il Vietnam, le Filippine e la Malesia, poi confermate anche dal governo comunista che prese il potere due anni dopo.

Per decadi, finché la Cina non è diventata una delle prime potenze mondiali, la questione è stata sostanzialmente accantonata per ritornare in auge solo di recente.

Dopo un ricorso presentato dalle Filippine nel 2013, nel luglio 2016 il Tribunale Permanente di Arbitrato dell’Aja ha stabilito con una sentenza che la linea a nove tratti rappresenta una violazione del diritto internazionale.

Tale verdetto non è però stato riconosciuto dal governo di Pechino, che rivendica, tra le altre le Isole Spratly, l'arcipelago di Paracelso e lo Scarborough Shoal.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook