05:02 02 Giugno 2020
Mondo
URL abbreviato
2017
Seguici su

A causa del blocco imposto dalle misure anticoronavirus, i giardini zoologici in Germania non hanno più risorse per alimentare gli animali. La provocazione della direttrice dello zoo di Neumünster: "Dovremo iniziare ad ammazzare animali per sfamarne altri".

L'allarme per la drammatica situazione che stanno vivendo gli zoo tedeschi arriva da Neumünster, nel nord del Paese. Le casse sono vuote a causa della mancanza di visitatori che, con il prezzo dei biglietti, mantengono la struttura. Solo questi fondi, spiega la direttrice Verena Caspari, permettono il mantenimento degli animali. Adesso, se non arriveranno aiuti pubblici, la direzione si troverà costretta a eutanasizzare le specie ospitate nel giardino

Alla richiesta di aiuti della Caspari, si unisce Jörg Junhold, il presidente dell'associazione dei giardini zoologici, che chiede un programma di aiuti pubblici per 100 milioni di euro. Le donazioni non bastano. La richiesta di aiuto arriva anche da Tim Schikora, direttore dello zoo di Schwerins, in un'intervista a "Welt". Ma è la direttrice di Neumünster a illustrare la tragica situazione che stanno vivendo gli animali del giardino che dirige, a causa dell'epidemia.

"Abbiamo fatto un elenco di quali animali dobbiamo macellare per primi", spiega la Caspari. Anche se l'uso di alcuni animali come mangime per gli altri è considerata un'ultima disperata soluzione, i dirigenti dei giardini devono confrontarsi anche con il problema dello spostamento degli animali in altri Stati, in cui non si vive la stessa emergenza.

La prima difficoltà è la chiusura dei confini. E come se questo non bastasse, alcuni animali non possono essere spostati per via della stazza. E' il caso di Vitus, il più grande orso polare della Germania ospitato a Neumünster. Con poco meno di 3,60 metri di lunghezza, il suo trasferimento è impensabile. 

Un altro problema, prosegue la Caspari, è l'alimentazione di animali mangiatori di pesce, come foche e pinguini. Nell'ipotesi estrema della macellazione di altri animali dello zoo per produrre mangimi, queste specie non potranno comunque essere alimentate. Così è probabile che si dovrà procedere con l'eutanasia prima che sopraggiunga la morte per fame, spiega la Caspari. 

Infine c'è il problema della condizione emotiva degli ospiti dello zoo, sempre al centro dell'attenzione dei visitatori. Alcune specie, come scimmie, foche e pappagalli, potrebbero risentire di problemi psicologici.

Tags:
Zoo, Germania
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook