02:58 05 Marzo 2021
Mondo
URL abbreviato
0 214
Seguici su

Le fiamme hanno raggiunto Pripyat, la città fantasma all'interno della zona di alienazione radioattiva, e si attestano a soli 2 km dai depositi radioattivi.

L' incendio esploso nella zona di Chernobyl, ha raggiunto la città di Pripyat e si trova a due chilometri dalla struttura di stoccaggio  per i rifiuti altamente radioattivi di Podlesny. Lo ha reso noto sulla sua pagina Facebook Yaroslav Emelianenko, membro del consiglio pubblico dell'Agenzia statale ucraina per la gestione della zona di esclusione. 

"La situazione è critica. La zona sta bruciando. Le autorità locali riferiscono che tutto è sotto controllo, ma infatti il fuoco cattura rapidamente nuovi territori", scrive.  

Spinto dal vento, il fuoco si starebbe pericolosamente dirigendo verso la centrale nucleare di Chernobyl. 

"L'incendio ha raggiunto Pripyat e si trova a due chilometri contro lo stoccaggio dei rifiuti radioattivi "Pídlísnij", dove si trovano i rifiuti di radiazioni più attivi di tutta la zona di Chernobyl, e da Chernobyl stessa", prosegue.

La struttura di smaltimento dei rifiuti radioattivi di Podlesny venne costruita con l'obiettivo di stoccare e isolare dall'ambiente le scorie generate durante la liquidazione dell'incidente di Chernobyl. Podlesny si trova a un chilometro e mezzo a nord della centrale nucleare di Chernobyl sul sito di un'antica fattoria che porta lo stesso nome. I rifiuti radioattivi sono collocati in speciali scomparti in cemento armato, il cui spessore delle pareti raggiunge diversi metri.

Gli incendi boschivi sono scoppiati il ​​4 aprile, ricoprendo rapidamente un'area di 20 ettari. Il 7 aprile ha raggiunto i 35 ettari.  La polizia ha evacuato i cittadini che vivono nel villaggio di Polesskoye nella zona di Chernobyl. Lunedì, i soccorsi hanno spento un incendio nella zona di alienazione della centrale nucleare di Chernobyl, ma ancora sono all'opera nel tentativo di domare le fiamme. 



Tags:
Chernobyl, Incendio, Ucraina
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook