16:06 01 Giugno 2020
Mondo
URL abbreviato
La pandemia di coronavirus nel mondo (3 - 10 aprile) (105)
0 180
Seguici su

Nei giorni scorsi, nell'ambito di un piano di aiuti per la lotta al Covid-19, in Serbia erano arrivati diversi aerei del Ministero della Difesa di Mosca con a bordo medici e virologi militari russi.

La task force di medici militari russi giunta in Serbia nei giorni scorsi, dopo aver effettuato la disinfezione del centro medico Dragiša Mišovic, hanno iniziato il proprio lavoro con i primi pazienti affetti da coronavirus.

A riferirlo, in un comunicato, è il Ministero della Difesa di Mosca, specificando che i pazienti saranno presi in cura da due equipe di medici che in precedenza hanno preso confidenza con le strutture e con le metodologie di lavoro dei colleghi serbi.

Le loro mansioni saranno relative alla diagnostica della patologia e all'elaborazione di strategie efficaci di cura sulla base degli standard internazionali.

Alla luce del gran numero di casi e del sovraccarico venutosi a creare nel sistema sanitario serbo, l'arrivo degli esperti da Mosca è risultato essere più che gradito da parte del governo di Belgrado.

"Altre cinque equipe sono state inviate nelle città di Ćuprija, Novi Pazar, Čačak , Leskovac e Kraguevac per valutare la situazione epidemiologica. Si consulteranno con i colleghi serbi sulle questioni relative alle operazioni di messa in quarantena e forniranno la loro esperienza sulla cura di malattie ad alto tasso di contagio".

I reparti di specializzati nella difesa nucleare, biologica e chimica hanno inoltre sanificato il centro per le malattie infettive Zemun di Belgrado, uno di quelli maggiormente coinvolti nella lotta al Covid-19 nel Paese balcanico, e l'ospedale di Valevo per un totale di oltre 65.000 metri quadrati

Ad oggi il numero di casi registrati di coronavirus in Serbia ha raggiunto quota 1.900 mentre il bilancio delle vittime parla di 51 persone finora decedute. 

Tema:
La pandemia di coronavirus nel mondo (3 - 10 aprile) (105)
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook