00:48 28 Maggio 2020
Mondo
URL abbreviato
La pandemia di coronavirus nel mondo (3 - 10 aprile) (105)
2 0 0
Seguici su

Un crescente numero di casi di coronavirus è stato registrato nel distretto di Shinjuku di Tokyo, sede del famoso quartiere a luci rosse di Kabukicho, ponendo in imbarazzo le autorità locali.

Il sindaco del distretto Shinjuku della Grande Tokyo, Kenichi Yoshizumi, ha sollecitato questa settimana i residenti locali ad astenersi dall'utilizzare i servizi delle prostitute del quartiere di Kabukicho a causa dei timori che la loro attività stia diffondendo il virus, secondo quanto riportato da Japan News.

La vertiginosa crescita delle infezioni, registrata a partire dalla fine di marzo, ha spinto le autorità ad avviare un'indagine, nel corso della quale si è scoperto che molte delle pazienti colpite dal COVID-19, lavoravano nell'industria del sesso, operavano in club e altri locali dove il contatto con i clienti risultava, per ovvi motivi, particolarmente stretto.

Un altro segmento della popolazione che risultava aver contrato un gran numero di infezioni erano, d’altro canto, ovviamente i loro clienti maschi.

Tuttavia, molte prostitute si sono rifiutate di specificare con chi erano state in contatto, rendendo così ancora più difficile per le autorità giapponesi tracciare le modalità di trasmissione del virus.

Kenichi Yoshizumi, come citato dal South China Morning Post, ha affermato che gli ospedali locali sono sul punto di essere "sopraffatti", poiché in Giappone sono stati segnalati più di 2.500 casi di coronavirus, principalmente a Tokyo, secondo i dati forniti dalla Johns Hopkins University il 3 aprile.

Al 5 aprile, la stessa mappa aggiornata in tempo reale della Hopkins, segnala già superato il numero di 3 mila contagi. Il Governo giapponese ha anche rivelato che il 40% dei pazienti che hanno contratto il virus a Tokyo negli ultimi giorni, compreso il distretto di Kabukicho, avrebbero un'età compresa tra i 18 e i quarant’anni.

Tema:
La pandemia di coronavirus nel mondo (3 - 10 aprile) (105)
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook