01:17 22 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
4125
Seguici su

Alla fine di marzo gli Stati Uniti, tra le varie condizioni dettate per revocare le sanzioni contro il Venezuela, avevano richiesto la formazione di un governo di transizione nel Paese sudamericano

Il governo del Venezuela ha condannato l'endorsement dell'Unione Europea nei confronti dell'iniziativa statunitense di far entrare in carica un governo di transizione.

Per Caracas, la proposta avanzata dall'amministrazione Trump risulta essere "un'aggressione alla sovranità venezuelana", come riferito dal ministro degli Esteri Arreaza sulla propria pagina Twitter.

Nelle scorse settimane Washington ha messo sul tavolo l'idea di formare un governo ad-interim in Venezuela al fine di risolvere la crisi del Paese tramite quella che è stata definita dal segretario di Stato Mike Pompeo una pacifica transizione democratica.

Qualora la proposta dovesse essere accettata dall'esecutivo del Paese latinoamericano, gli Stati Uniti si sono impegnati a revocare le sanzioni unilaterali imposte al Venezuela.

La situazione in Venezuela

Il 21 gennaio 2019 in Venezuela hanno avuto inizio delle proteste contro l'attuale presidente Nicolas Maduro, poco dopo la sua elezione. 

Il capo dell'Assemblea Nazionale, Juan Guaido, si è autoproclamato presidente ad interim, venendo riconosciuto dagli Stati Uniti e da alcuni altri Paesi occidentali.

A sua volta Maduro ha denunciato l'attività di Guaido in qualità di marionetta nelle mani degli Stati Uniti, venendo riconosciuto come legittimo presidente da Russia, Cina, Turchia e diversi altri Paesi.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook