02:36 28 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
114
Seguici su

L'ex ministra degli Esteri dell'Austria Karin Kneissl ha accusato suo marito, il finanziatore Wolfgang Meilinger, di violenza domestica, segnala il canale OE24.

Ha sporto denuncia alla polizia, in cui ha sostenuto che durante una lite con il marito lo ha più volte colpito al petto. In risposta il consorte le ha dato due schiaffi sul volto. L'incidente è avvenuto nella residenza in campagna dell'ex ministra in Austria meridionale.

La polizia ha vietato a Wolfgang Meilinger di rimanere nella stessa casa con sua moglie e di avvicinarsi, così come ha sequestrato la pistola da lui detenuta. Il marito dell'ex ministra sostiene che non voleva picchiarla, ma di aver cercato solo di calmarla. Secondo l'uomo, per la pandemia del coronavirus la sua consorte è estremamente tesa.

La stessa Kneissl ha confermato a Sputnik il fatto dall'aggressione subita dal marito. Ha anche espresso rammarico per il fatto che i media austriaci ne siano venuti a conoscenza. Secondo lei, la redazione di OE24 ha fatto ricorso all'uso illegale di dati personali.

Al matrimonio dell'allora ministra nel 2018 aveva preso parte il presidente russo Vladimir Putin.

Coronavirus e violenza domestica contro le donne

Dubravka Simonovic, relatrice speciale delle Nazioni Unite sulla violenza contro le donne, ha dichiarato che le misure restrittive adottate in tutto il mondo per combattere la diffusione di COVID-19 aumentano il rischio di violenza domestica.

Secondo l'esperto, gli Stati dovrebbero adottare misure per aiutare le donne vittime delle violenze tra le mura di casa durante la quarantena.

Tags:
Giustizia, Violenza, Famiglia, Società, Austria, Karin Kneissl
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook