16:27 01 Giugno 2020
Mondo
URL abbreviato
0 20
Seguici su

Un cittadino della Georgia (USA) si è dichiarato colpevole di aver tentato di far saltare in aria la Casa Bianca con armi ed esplosivi.

Un residente dello stato americano della Georgia, Hasher Jallal Taheb, ha tentato di attaccare la Casa Bianca con armi ed esplosivi, e ora rischia 15 anni di prigione.

"Oggi, il 23enne Hasher Jallal Taheb, residente a Cumming, in Georgia, si è dichiarato colpevole di aver tentato di distruggere un edificio di proprietà o affittato negli Stati Uniti con fuoco o esplosivi. Aveva pianificato un attacco alla Casa Bianca usando armi ed esplosivi", ha detto il comunicato.

Secondo l'assistente del procuratore generale per la sicurezza nazionale John Demers, "Taheb ha pianificato un attacco terroristico alla Casa Bianca come parte di quello che ha affermato essere il suo impegno a partecipare alla jihad". Ha aggiunto che la Casa Bianca era "solo una delle iconiche attrazioni americane che lui (l'accusato) stava prendendo di mira". Durante l'inchiesta, gli investigatori hanno scoperto che l'uomo ha anche pianificato attacchi alla Statua della Libertà, al monumento a Washington, al Lincoln Memorial e a una sinagoga.

Secondo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, l'inchiesta contro Taheb è durata più di un anno dopo aver ricevuto informazioni da uno dei residenti locali. Nel marzo 2018, quest'ultimo aveva detto alle forze dell'ordine che Taheb si era radicalizzato e che prevedeva di andare all'estero.

Taheb è stato arrestato dagli agenti dell'FBI nel gennaio 2019. Come previsto, il verdetto nel suo caso sarà pronunciato in un'udienza il 23 giugno 2020.

Correlati:

Casa Bianca, il coronavirus in USA potrebbe uccidere fino a 2,2 milioni di persone
Trump non ha bisogno di test per il coronavirus o quarantena - Medico Casa Bianca
Casa Bianca: Trump non parteciperà a prima udienza della Camera per impeachment
Tags:
jihad
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook