07:53 29 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
Il coronavirus nel mondo (30 marzo - 3 aprile) (91)
323
Seguici su

Il nuovo bilancio delle vittime del coronavirus (COVID-19) negli Stati Uniti può variare da 100.000 persone nel migliore dei casi e fino a 2,2 milioni di persone nello scenario peggiore, secondo i materiali degli esperti pubblicati martedì dalla Casa Bianca.

Lo scenario migliore prevede "interventi", cioè misure da parte delle autorità per ridurre le conseguenze negative della pandemia. In questo caso, il tasso di mortalità sarà di 100.000-240.000 persone.

In assenza di interventi, la mortalità sarà di 1,5-2,2 milioni di persone.

Inoltre, gli esperti hanno previsto che il picco di mortalità per il COVID-19 negli Stati Uniti si sarebbe verificato il 15 aprile, con un totale di 2.214 persone potrebbero morire in quella giornata.

Quindi la mortalità diminuirà, raggiungendo entro il 1 giugno un livello di circa 250 morti al giorno e meno di 100 morti entro il 1 luglio.

Secondo la Johns Hopkins University, gli Stati Uniti hanno registrato oltre 188.000 casi di coronavirus, con oltre 3.800 decessi.

L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) l'11 marzo ha dichiarato pandemia l'epidemia da coronavirus era . Secondo gli ultimi dati dell'OMS, in tutto il mondo sono stati registrati oltre 750.000 casi di COVID-19, oltre 36.000 persone sono morte.

Tema:
Il coronavirus nel mondo (30 marzo - 3 aprile) (91)

Correlati:

Trump non ha bisogno di test per il coronavirus o quarantena - Medico Casa Bianca
Capo specialista in malattie infettive USA prevede secondo picco del coronavirus
Esperto: al coronavirus non conviene uccidere il corpo che lo ospita
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook