08:19 10 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
Infezione di coronavirus diventa pandemia (23-30 marzo) (117)
2416
Seguici su

Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha bollato come "criminali" gli amministratori locali che impongono misure restrittive rigorose per combattere la diffusione del coronavirus.

Nei giorni scorsi governatori e sindaci in diversi Stati del Brasile avevano ordinato la chiusura di scuole, negozi e restrizioni sui trasporti pubblici. Le misure di quarantena hanno interessato anche le aree metropolitane brasiliane di San Paolo e Rio de Janeiro.

Secondo il capo di Stato Jair Bolsonaro, si tratta di un "crimine", il cui scopo è "metter fine al Brasile".

"Se avremo paura, se ascolteremo tutti, risulterà che nessuno produrrà più nulla. Inizierà la disoccupazione, i frigoriferi saranno vuoti", il giornale Globo riporta le parole del presidente.

Secondo Bolsonaro, "nessuno sa" cosa può succedere in Brasile, e ora occorre far lavorare la gente, per proteggere le persone anziane e coloro che hanno problemi di salute dal coronavirus. "Nient'altro", ha aggiunto.

Secondo gli ultimi dati del ministero della Salute, in Brasile sono stati registrati oltre 2.200 contagi con coronavirus, 46 persone sono decedute.

Tema:
Infezione di coronavirus diventa pandemia (23-30 marzo) (117)
Tags:
Jair Bolsonaro, Brasile
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook