09:40 30 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
Infezione di coronavirus diventa pandemia (23-30 marzo) (117)
0 40
Seguici su

Secondo l'ex ministro per l’Immigrazione Inger Støjberg, la doppia pena, ispirata al precedente "pacchetto del ghetto" della Danimarca, non solo infonderà un "senso di giustizia" per coloro che "sfruttano cinicamente la crisi", ma avrà anche un effetto preventivo.

I criminali che sfruttano l'emergenza del coronavirus per guadagno personale attraverso il furto o con truffe legate alla crisi dovranno affrontare il doppio della pena. La proposta è in gran parte ispirata al recente "pacchetto ghetto", che tra l'altro ha introdotto una doppia pena per i crimini commessi in aree degradate designate come ghetti in una repressione contro i focolai di violenza.

Per giustificare la loro proposta, il vice leader liberale-conservatore di Venstre, il relatore legale e l'ex ministro dell'Immigrazione Inger Støjberg e Peter Skaarup, il suo collega del Partito popolare danese conservatore nazionale, hanno citato una serie di casi in cui i cittadini anziani sono stati truffati o derubati da criminali spacciatisi come operatori sanitari con il pretesto di imporre misure per il coronavirus. Inoltre, gli ospedali hanno dovuto assumere guardie di sicurezza a causa del crescente furto di dispositivi di protezione come maschere e disinfettanti per le mani.

Støjberg ha descritto i crimini legati all'epidemia come una "terribile disgrazia" e ha suggerito che la doppia pena avrebbe dato ai tribunali e alla polizia "gli strumenti per colpire di nuovo duramente".

“I crimini si verificano ogni giorno, quindi la doppia pena deve essere usata ora. Ma agirà preventivamente in caso di sommosse e disordini nelle strade. Sfortunatamente, l'abbiamo visto in relazione ad altre crisi”, ha detto Støjberg al quotidiano Berlingske.

Støjberg ha sottolineato che le misure riguardavano l'instaurazione di un "senso di giustizia".

“Queste sono persone che sfruttano cinicamente una crisi. Devono essere punite duramente", ha detto.

"Il sistema sanitario è sotto sforzo, quindi quando rubi, per esempio, dagli ospedali, metti in pericolo la vita umana", ha spiegato.

Nel dire ciò, Støjberg ha ricevuto un "sostegno incondizionato" dal Partito popolare danese.

“Tutte le frodi e i furti legati alla crisi del coronavirus sono riprovevoli. È una circostanza aggravante, quindi al suo posto vi sarà una doppia pena", ha dichiarato Peter Skaarup.

I due politici hanno invitato i legislatori a dare urgentemente il via libera alla loro proposta, affinché abbia effetto entro una settimana e ottenga il sostegno del ministro della Giustizia, la socialdemocratica Nick Hækkerup.

Il coronavirus in Danimarca

Lo scorso fine settimana, la polizia danese ha inviato a milioni di danesi un avviso via SMS sulla crisi del coronavirus.

“Il coronavirus si sta diffondendo proprio ora in Danimarca. Mantieni la distanza e presta attenzione, anche quando splende il sole. Altrimenti, non possiamo fermare l'infezione. Buon fine settimana", ha detto la polizia.

Secondo il Danish Serum Institute, il regno danese ha oltre 1.700 casi confermati di coronavirus, di cui 1.591 in Danimarca, 122 nelle Isole Faroe e 4 in Groenlandia. Finora, 34 danesi sono morti nell'epidemia.

Tema:
Infezione di coronavirus diventa pandemia (23-30 marzo) (117)

Correlati:

Danimarca, 1 migrante su 2 ha commesso reati prima dei 30 anni
Danimarca difende vignetta satirica con coronavirus da critiche cinesi
Coronavirus, prime positività in Danimarca e Norvegia
Tags:
Danimarca
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook