23:48 11 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
114
Seguici su

La Russia e la Turchia conducono delle pattuglie congiunte lungo l'autostrada M4 della Siria dopo la recente escalation a Idlib e il conseguente accordo su un cessate il fuoco tra Siria e Turchia, mediato dalla Russia.

Un alto ufficiale turco ha assicurato alle forze armate russe che l'area dell'autostrada M4 siriana, pattugliata congiuntamente da Turchia e Russia, si espanderà gradualmente.

"Ampliamo gradualmente la pattuglia, come abbiamo fatto insieme nell'area di Qamishli. Abbiamo iniziato in piccolo e gradualmente aumentato la lunghezza dell'area. La cosa principale per noi è garantire la sicurezza, ecco perché continueremo a collaborare. Il nostro obiettivo principale è riportare la pace in questa terra ", ha detto il colonnello turco Ukay Sagir Oglu agli ufficiali di polizia militare russa dopo la seconda pattuglia.

Lunedì Russia e Turchia hanno condotto la seconda pattuglia congiunta delle autostrade che collegano Aleppo e Latakia. Il percorso è stato inizialmente abbreviato per motivi di sicurezza. L'esercito russo aveva precedentemente dichiarato che la Turchia si era impegnata a neutralizzare i gruppi estremisti e quindi a garantire la sicurezza delle pattuglie lungo l'intera autostrada il più presto possibile.

Pattuglie congiunte lungo l'autostrada M4 strategicamente importante, che è attualmente controllata da militanti, sono condotte in base a un memorandum sul cessate il fuoco nella provincia di Idlib concordato dai presidenti russo e turco durante i loro colloqui a Mosca il 5 marzo. La prima pattuglia è stata condotta il Il 15 marzo, e allo stesso modo è stato accorciato a causa delle provocazioni di gruppi militanti non controllati da Ankara.

Correlati:

Russia e Turchia avviano pattuglia congiunta lungo l'autostrada M4 in Siria
Siria, morti 2 militari turchi dopo uno scontro con miliziani
Sistema di difesa aerea siriano abbatte drone vicino alla base aerea russa di Hmeimim
Tags:
Turchia, Idlib
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook