20:19 07 Aprile 2020
Mondo
URL abbreviato
Infezione di coronavirus diventa pandemia (16-23 marzo) (96)
120
Seguici su

La pandemia del coronavirus COVID-19 ha avuto impatto su tutte le fasi della vita umana, anche sui funerali. Le misure severe, intraprese dalle autorità greche, per il contrasto della diffusione dell'infezione riguardano i funerali delle persone decedute sia per il coronavirus che per altri motivi.

In Grecia il coronavirus risulta essere la causa di una “quarantena” a tutti i funerali, senza eccezioni, che durante la pandemia si svolgono con un numero di persone ristretto, senza una visita in casa del defunto e gli altri rituali previsti dalla religione ortodossa e dalle tradizioni per l'ultimo saluto ai cari defunti.

Le agenzie funebri di tutto il paese hanno ricevuto dalle autorità le linee di guida pertinenti in merito alla procedura da seguire ai funerali di persone decedute per il COVID-19.

Il signor Fanis Baboulas, proprietario di agenzie funebri in diverse città della Grecia, tra cui anche Salonicco, ha affermato in un’intervista a Sputnik che il corpo di una persona deceduta a causa Coronavirus prima deve essere avvolto in un sacco e poi messo in una bara.

“Se una persona muore a causa di un'infezione dal coronavirus, il suo corpo viene prima avvolto in un sacco, e poi posato in una bara chiusa, che successivamente non si apre. Il funerale e la sepoltura devono svolgersi nel cimitero alla presenza di non più di cinque persone vicine", sottolinea Baboulas.

Tuttavia, le condizioni per tenere i funerali di persone morte anche per altri motivi sono molto rigide, poiché le misure intraprese per il periodo della lotta contro la diffusione dell'infezione non consentono le riunioni di un numero elevato delle persone in case, cimiteri e chiese.

“Solo i parenti più vicini possono entrare all'interno del tempio, ovvero da 5 a 10 persone, altre persone devono rimanere fuori. Nessuno organizza pasti di commemorazione o addii al defunto”.

Come dichiarato dal signor Baboulas, i funerali non si svolgono più come prima del Coronavirus. Negli ultimi due giorni la sua agenzia si è occupata di due funerali, che si sono svolti in una cerchia ristretta di parenti.

“Due funerali si sono svolti ieri e l'altro ieri. Al primo funerale hanno partecipato 9 persone, e all’altro 14 parenti. E’ vietato al defunto di rimanere in casa anche per un breve periodo di tempo. E’ vietato tutto. L'unica cosa che si può fare è tenere una cerimonia (di esequie) in un tempio in presenza di un numero molto ristretto di persone”, aggiunge.

Infine il proprietario di agenzie funebri osserva che per via di misure intraprese il costo dei funerali è diminuito, siccome nessuno organizza pasti di commemorazione.

Tema:
Infezione di coronavirus diventa pandemia (16-23 marzo) (96)
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook