20:20 07 Aprile 2020
Mondo
URL abbreviato
Infezione di coronavirus diventa pandemia (16-23 marzo) (96)
161
Seguici su

Molte persone sanno che con la polmonite, la malattia più comune e grave dell'apparato respiratorio, vengono generalmente prescritti antibiotici. La principale complicazione del coronavirus COVID-19 è proprio la polmonite, tuttavia in questo caso gli antibiotici non danno benefici. Gli esperti di medicina sentiti da Sputnik lo hanno spiegato.

Gli antibiotici o come vengono anche chiamati antimicrobici, sopprimono agenti patogeni come batteri o funghi. Ma i virus non sono organismi e vivono esclusivamente all'interno delle cellule.

"Gli antibiotici sono inutili contro i virus, incluso il coronavirus. Danno benefici solo contro le infezioni batteriche", sottolinea il professore e membro dell'Accademia Russa delle Scienze Sergey Netesov, direttore del laboratorio di biotecnologia e virologia presso l'Università Statale di Novosibirsk, capo del laboratorio di biologia molecolare dei virus RNA del Centro di ricerca scientifica dello stato federale per la virologia e biotecnologia "Vektor".

La polmonite è spesso causata da infezioni batteriche e fungine. Un medico può prescrivere antibiotici anche in presenza dell'infezione del nuovo coronavirus, ma solo per evitare che il quadro clinico si aggravi con l'azione patogena di microbi che si andrebbero ad aggiungere nel contesto dell'immunità indebolita del paziente.

Il sito web dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), nella sezione "Domande frequenti", afferma chiaramente: "Gli antibiotici agiscono solo contro i batteri. Non si usano antibiotici per curare o prevenire l'infezione da coronavirus. Tuttavia, se si è ricoverati in ospedale con Covid-19, è possibile prescriverli perché la co-infezione batterica non è esclusa."

"Lo stesso antibiotico non è efficace in alcun modo sul virus, la loro somministrazione ha maggiori probabilità di provocare effetti collaterali", conferma Ivan Konovalov, professore associato di malattie infettive nei bambini dell'Università medica russa di ricerca nazionale intitolata a N.I. Pirogov in un'intervista a Sputnik.

"Ma se il discorso riguarda le complicazioni gravi di coronavirus in ricovero ospedaliero, allora gli antibiotici non possono essere esclusi dalle terapie, dal momento che il virus di fatto spiana la strada a batteri e funghi per infettare i polmoni."

Sfortunatamente farmaci specifici per la lotta contro il coronavirus non sono ancora stati sviluppati.

"Al momento non esistono farmaci specifici per la prevenzione o il trattamento delle infezioni causate dal nuovo coronavirus, afferma il sito web dell'Oms. - Alcuni metodi sono in fase di studio e sono in corso studi clinici".

Tema:
Infezione di coronavirus diventa pandemia (16-23 marzo) (96)
Tags:
Organizzazione Mondiale della Sanita, Scienza e Tecnica, Medicina, Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook