14:37 27 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 43
Seguici su

Il super vulcano nel sito naturale più famoso del Wyoming sembra di voler nascondere i suoi segreti, anche nelle profondità della caldera, che ha continuato a salire per due anni consecutivi, nel 2013 e 2014.

Gli scienziati credono che la deformazione del suolo sull'iconico grande vulcano Yellowstone, diventata evidente nel 2013, sia il risultato d'intrusioni di magma negli strati del suolo dell'area del bacino di Norris Geywer.

I risultati dello studio sono stati pubblicati nel Journal of Geological Research-Solid Earth a gennaio, ma ora sono stati evidenziati dall'Osservatorio sul vulcano Yellowstone (YVO) nella sua rubrica settimanale, The Caldera Chronicles.

Il sollevamento del magma, descritto dagli autori dello studio come "ascesa e accumulazione volatili", ha raggiunto il suo apice nel 2013 per poi terminare bruscamente, come registrato dai sistmi GPS che tengono d'occhio l'attività sismica nell'area.

"Le frequenti eruzioni dello Steamboat Geyser da marzo 2018 sono probabilmente una manifestazione superficiale di questo processo in corso", hanno scritto aggiungendo che le caratteristiche di esplosione idrotermica spiccano nell'area del bacino di Norris Geywer, in modo che l'apparente superficialità dell'accumulazione volatile "implichi un rischio aumentato di esplosioni idrotermali".

Secondo Dan Dzurisin, uno degli autori dello studio, un'intrusione di magma due decenni fa deve aver preparato il terreno per tutte le deformazioni registrate, attribuendolo a processi in corso sotto lo Steamboat Geyser, il geyser attivo più alto del mondo fino a oggi.

"Le simulazioni suggeriscono che il sollevamento del 1996-2004 fu causato da un'intrusione di magma a circa 14 km sotto Norris. Quando il magma penetra nella crosta che raffredda, si solidifica e rilascia gas che si erano dissolti nella sua massa", ha spiegato il ricercatore , aggiungendo inoltre che quando il gas fuoriesce abbassa la pressione nel magma e la superficie "si abbassa".

Più avanti, il ricercatore osserva che i gas possono rimanere intrappolati "sotto uno strato impermeabile di roccia, causando un rapido sollevamento", come è stato visto a Norris dalla fine del 2013 fino a un terremoto di magnitudo 4,9 l'anno successivo.

C'è stato un altro notevole rialzo: dal 2016 al 2018, il che suggerisce che i gas in aumento sono stati bloccati di nuovo sottoterra, ma "a una profondità leggermente minore".

Tuttavia, il ricercatore si è affrettato a tranquillizare il pubblico perché, per quanto sbalorditivo sia questo fenomeno, non rappresenta alcuna minaccia per l'umanità.

Correlati:

USA, registrata attività anomala del geyser di Yellowstone
Scienziati trovano nuova zona geotermica in espansione nel parco di Yellowstone
Antartide, scoperto supervulcano più pericoloso di Yellowstone
Tags:
Vulcano
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook