12:39 04 Giugno 2020
Mondo
URL abbreviato
0 20
Seguici su

Verrà data massima flessibilità alle regole di bilancio per permettere agli stati di poter affrontare i costi dell'emergenza sanitaria, sospendendo di fatto il patto di stabilità.

“La Commissione Ue è pronta a proporre al Consiglio di attivare la clausola di crisi per accordare un sostegno fiscale più generale. Questa clausola, in cooperazione con il Consiglio, sospenderà di fatto gli aggiustamenti di bilancio raccomandati dal Consiglio in caso di recessione severa della zona euro o della Ue”. Lo ha reso noto l'organo esecutivo dell'Unione.

Per fronteggiare l'emergenza coronavirus verrà attivata la clausola anti-crisi del Regolamento 1466/97, che sospende di fatto gli aggiustamenti di bilancio in caso di contrazione severa del Pil, permettendo agli stati membri di spendere quanto sarà necessario per fronteggiare la crisi.

Spese sanitarie, ammortizzatori sociali per i lavoratori, sostegno alle imprese soprattutto di piccole e medie dimensioni, più fragili ed esposte alle bufere economiche rispetto alle grandi economie di scala, finiranno fuori dal calcolo del deficit. Di fatto questa misura si concretizza in una sospensione delle regole del Patto di Stabilità e Crescita.

Una sospensione temporanea e del tutto eccezionale, già contemplata all'interno delle regole europee, che prevedono questa possibilità in concomitanza di un “evento inconsueto non soggetto al controllo dello Stato membro”.

Per il vicepresidente Dombrovskys “non si tratta di sospendere il Patto di stabilità e di crescita, ma usiamo tutta la flessibilità che prevede". Gli fa eco la presidente della commissione europea, Ursula Von Der Leyen, che ha assicurato la massima flessibilità delle regole europee per fronteggiare l'emergenza pandemia.

La situazione in Italia

La Ue assicura l'Italia sul fatto che non sarà lasciata sola e che saranno applicate tutte le misure a disposizione per far fronte all'emergenza.

“"Siamo pronti ad aiutare l'Italia con tutto quello di cui ha bisogno – ha detto la Van Der Leyen - in questo momento è colpita severamente dal virus. Sosteniamo tutto quello di cui ha bisogno e tutto quello che chiederà. Il prossimo – ha ricordato - potrebbe essere un altro Stato membro".

L'Italia non è il solo Paese a lottare contro il Covid-19. I contagi si sono diffusi in altri stati, come Spagna e Germania. Solo pochi giorni fa, infatti, la cancelliera Angela Merkel ha espresso le sue preoccupazioni sul fatto che il 60-70% dei tedeschi possa essere contagiato in assenza di cure e vaccini.

Intanto i commissari Gentiloni e Dombrovskys rassicurano l'Italia con una lettera inviata al ministro dell'Economia Gualtieri.

“Ogni misura 'Una tantum' sulla spesa, decisa in relazione alla risposta alla pandemia, sarà esclusa per definizione dal computo del deficit strutturale e non ne sarà tenuto conto quando si valuterà la conformità con lo sforzo fiscale richiesto nell'ambito delle regole esistenti. Inoltre, la Commissione Ue, valuterà ogni possibile richiesta, sotto la clausola eventi imprevisti, usando la massima flessibilità delle regole Ue”.

Tags:
UE
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook