19:17 21 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 03
Seguici su

Simili programmi di volontariato, guidati dalla Commissione europea dal 2016, hanno visto oltre 18.000 persone rivalutare la loro iniziale intenzione di stabilirsi nelle isole greche.

Ai nuovi arrivati ​​nelle isole greche dovrebbero essere offerti € 2.000 a persona,  oltre cinque volte la solita somma, per tornare a casa nell'ambito di un programma volontario lanciato dall'Unione europea nel tentativo di far fronte al peggioramento delle condizioni nei campi di accoglienza.

L'International Organization for Migration (IOM) delle Nazioni Unite, che è responsabile di una serie di programmi di rimpatrio volontario, afferma che questa offerta verrà mantenuta per un mese, a causa dei timori che le frontiere aperte veda un enorme afflusso di migranti nel resto d'Europa.

Il programma, che esclude i senzatetto, è appositamente progettato come "una finestra di opportunità per un gruppo mirato”, quei migranti che hanno chiari incentivi per migliori standard di vita.

L'IOM deve gestire il piano in collaborazione con l'agenzia di frontiera dell'UE Frontex.

"I rifugiati non torneranno, ovviamente, non possono tornare, ma i migranti economici che forse sanno che non otterranno l’asilo potrebbero essere interessati a farlo", ha detto ai giornalisti il ​​commissario europeo per gli affari interni, Ylva Johansson, come citato dal Guardian.

Ha sottolineato che il programma promette di ridurre il carico per i campi di accoglienza locali, famosi per le loro condizioni "totalmente inaccettabili".

Il numero approssimativo di persone che la Commissione europea prevede d'includere nel progetto è di circa 5.000 persone, sebbene l'organo non abbia sufficienti statistiche su quante persone siano effettivamente "migranti economici" piuttosto che rifugiati.

Allo stesso modo, ai migranti della Grecia continentale verrà offerto un risarcimento monetario, ma si prevede che quest'ultimo sarà molto inferiore a € 2.000.

Negli ultimi quattro anni, circa 18.151 persone hanno optato per il ritorno a casa dalla Grecia nell'ambito di un programma di rimpatrio volontario finanziato dal bilancio dell'UE.

Il nuovo programma è stato proposto in seguito all'annuncio della Turchia di "aprire le porte" affinché i migranti attraversino l'Europa in rappresaglia per la condanna delle sue operazioni nel nord della Siria da parte di Bruxelles.

Correlati:

Ministro dell'Ambiente bulgaro risponde alle accuse di aver "ricoperto d'acqua i migranti"
Migranti, al confine tra Grecia e Turchia arrestato un politico svedese di destra
Erdogan: "Grecia, apri le porte ai migranti!"
Tags:
Commissione Europea
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook