19:45 03 Dicembre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 32
Seguici su

Al Cremlino ancora non si commenta il processo sul caso del volo malese Boeing MH17 precipitato in Ucraina orientale nel luglio 2014, ha riferito il portavoce del presidente russo Dmitry Peskov.

"Non commenterò in alcun modo. Sapete, è ben noto il nostro atteggiamento sul lavoro dell'accusa della squadra investigativa. Non abbiamo avuto l'opportunità di partecipare a questo lavoro, ci relazioniamo di conseguenza. Al momento non commentiamo il processo", ha affermato Peskov ai giornalisti in risposta alla richiesta di commentare la dichiarazione della procura olandese, secondo cui l'inchiesta si è fermata sulla versione che il Boeing è stato abbattuto da un missile antiaereo Buk portato dalla Russia.

L'udienza del processo sullo schianto del MH17 si è svolta lunedì presso l'aula bunker di Schiphol. Nel caso sono coinvolte quattro persone: i russi Igor Girkin, Sergey Dubinsky, Oleg Pulatov e l'ucraino Leonid Kharchenko.

Durante l'udienza, il procuratore olandese Ward Ferdinandusse ha dichiarato che la Procura ha esaminato i dati forniti dalla Russia nel caso dello schianto del volo MH17 in Ucraina orientale. Inoltre la giudice del tribunale distrettuale dell'Aja Maria Kneif, responsabile del lavoro con i media, ha dichiarato che i materiali del giornalista olandese sull'assenza di "Buk" nell'area dello schianto di MH17 hanno attirato molta attenzione, e potrebbero essere portati al processo se lo ne farà richiesta la difesa degli imputati.

In precedenza il giornalista olandese e autore del documentario sull'incidente aereo dell'MH17 Max van der Werff ha pubblicato alcuni documenti della squadra investigativa congiunta, tra cui una lettera del 21 settembre 2016 del Dipartimento degli affari legali del Servizio di intelligence militare olandese (MIVD) indirizzata alla procura della Repubblica. Secondo questa lettera, l'intelligence militare olandese non ha trovato alcuna traccia del missile antiaereo Buk in grado di abbattere il Boeing malese nei pressi della zona dello schianto.

Il ministero degli Esteri russo ha affermato che le accuse della squadra investigativa sul coinvolgimento di Mosca nello schianto del Boeing malese sono infondate e deplorevoli e le indagini sono faziose e unilaterali.

Il Boeing malese del volo MH17, partito da Amsterdam in direzione di Kuala Lumpur, si è schiantato il 17 luglio 2014 vicino a Donetsk. A bordo c'erano 298 persone, tutte morte. Kiev ha accusato gli indipendentisti del Donbass di aver abbattuto per errore l'aereo, a loro volta si sono difesi sostenendo di non avere i mezzi per abbattere l'aereo alla quota di volo in cui si trovava prima dell'abbattimento.

Tags:
Mh17, Indagine sul Boeing MH17, Disastro volo MH17, Tragedia MH17, Donbass, Russia, Cremlino, Olanda
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook