08:59 10 Aprile 2020
Mondo
URL abbreviato
271
Seguici su

La polizia e l’esercito della Grecia nell'arco di 24 ore tra ieri e oggi ha impedito quasi 7mila tentativi di attraversare clandestinamente la frontiera terrestre turco-greca nell'unità periferica di Evros.

"Dalle ore 6:00 di mercoledì alle ore 6:00 di giovedì nella zona di Evros sono state arrestate 24 persone, la maggior parte di cui sono originari di Afghanistan e Pakistan. Sono stati sventati 6.955 tentativi di ingresso illegale in Grecia", lo riporta il portale news.in.gr, citando le fonti nel governo.

Nel suo insieme dalle ore 6:00 del 29 febbraio alle ore 6:00 del 5 marzo sono stati impediti 34.788 tentativi clandastini di attraversare il confine, risultano arrestati 244 trasgressori.

Alla fine di febbraio il presidente turco Recep Tayyip Erdogan aveva dichiarato che la Turchia non era più in grado di trattenere i migranti ed ha aperto i suoi confini con l’UE. In seguito le autorità turche hanno affermato che migliaia di rifugiati si sono diretti verso i confini con l'UE, sia quelli terrestri, che quelle marittime. La Grecia, che confina con la Turchia, al momento non fa entrare i clandestini.

Oggi il ministro della Difesa bulgaro Krasimir Karakachanov ha affermato che la Bulgaria è pronta all’uso della forze, se i rifugiati nel tentare di attraversare la frontiera inizieranno "a commettere azioni violente come quelle che si registrano nei confronti della Grecia".

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook