01:29 08 Aprile 2020
Mondo
URL abbreviato
140
Seguici su

Ricercatori americani hanno analizzato come l'orario di assunzione del cibo influisce sui processi metabolici che controllano il peso di una persona, in particolare il consumo di grassi; è stato scoperto che il tempo di mangiare per perdere peso o semplicemente mantenersi in forma non è meno importante dell'apporto calorico e dell'attività fisica.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista PLOS Biology.

Si ritiene che l'equilibrio tra aumento e perdita di peso corporeo dipenda, innanzitutto, da ciò che una persona mangia e da quanto sia attiva o meno la sua attività fisica. I ricercatori americani della Vanderbilt University di Nashville, nel Tennessee, hanno scoperto che è altrettanto importante il tempo di quando si mangia.

L'orologio biologico interno determina il momento in cui il cibo che una persona consuma viene assimilato nel modo migliore. In diversi momenti della giornata l'organismo brucia meglio alcune sostanze. Il ritmo circadiano del corpo è programmato in modo tale che i carboidrati siano ben assorbiti al mattino e che i grassi vengano bruciati durante il sonno. Pertanto se si mangia abbastanza prima di andare a dormire, i grassi non hanno il tempo di decomporsi e questo ritarderà la loro assimilazione.

I ricercatori hanno condotto un esperimento senza precedenti. Per due sessioni, 56 ore ciascuna, diversi volontari, di mezza età e anziani, non hanno lasciato la cosiddetta sala metabolica situata nell'edificio dell'università. Durante lo studio, gli scienziati hanno costantemente valutato il fabbisogno energetico dei partecipanti, il tasso metabolico, il metabolismo respiratorio, l'ossidazione di carboidrati e lipidi.

Gli autori dello studio hanno concluso che chi vuole perdere peso non dovrebbe porsi dei limiti eccessivi durante la colazione. Inoltre l'abitudine di uscire di casa per andare a lavorare a stomaco vuoto è molto dannosa, perché, secondo gli scienziati, una persona consuma più cibo durante il giorno con questa abitudine.

Più lungo è l'intervallo tra cena e colazione, meglio è, sostengono i ricercatori. Questo regime alimentare aiuterà a perdere peso e prevenire lo sviluppo di disturbi metabolici, cosa particolarmente importante per gli anziani, in cui molti processi metabolici sono già compromessi per l'età.

Tags:
dieta, Alimentazione, Scienza e Tecnica, Società
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook