09:05 05 Aprile 2020
Mondo
URL abbreviato
6228
Seguici su

Rave, pop, punk, metal, irriverenti, miscredenti, autoironici, pacchiani, buffoneschi, spesso anche volgari, ma sopratutto virali – sono i Little Big, e promettono di devastare tutti gli stereotipi possibili sulla Russia al prossimo Festival Eurovision.

Dal melodico al rock, la Russia le aveva provate tutte negli ultimi anni per conquistare l’Eurovision, avvicinandosi spesso all’obiettivo ma non riuscendo mai a fare altro che a sfiorarlo solamente. Quest’anno la butta sull’irriverente, sul ‘tanto peggio tanto meglio’. Sarà infatti il gruppo ‘Little Big’ a rappresentare la Federazione al Festival musicale internazionale, una scelta che si tuffa in picchiata nel cuore delle polemiche che ogni anno caratterizzano la manifestazione.

Vi piacciono le cose strane? Ecco, vi presentiamo i Little Big, questa forse la strategia per questo 2020. E i Little Big effettivamente di strano hanno parecchio.

Sarà un successo? Magari no, ma di certo devasteranno tutti gli stereotipi sulla Russia proprio grazie alle loro capacità di celebrarli con autoironia. Dalle matrioske, agli orsi, alle bevute di vodka, ai vecchi condomini fatiscenti di epoca sovietica, i Little Big con le loro danze virali passano direttamente da YouTube al grande palcoscenico per dissacrare tutto quello che trovano sulla strada.

Parliamo di una band che si è formata a San Pietroburgo nel 2013 e che ha fatto 362 milioni di visualizzazioni su YouTube inventandosi una danza assurda chiamata Skibidi e che ha ispirato lo Skibidi Challenge Dance - una sorta di sfida emulatrice come ai tempi del Gangnam Style.

Il segreto del loro successo in patria è semplice – un ritratto contorto e umoristico della vita russa in cui i russi si riconoscono per contrappasso autoironico. Ridere e scherzare di sé stessi, usando il linguaggio dell’iperbole. Piacerà? Che importa, di sicuro serviranno a mostrare che la Russia è anche questo – leggerezza, scherzo, anche un po’ di scemenza quando serve.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook