23:56 20 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
1471
Seguici su

Le azioni di Ankara nei confronti dell'agenzia di stampa Sputnik in Turchia influenzano negativamente il clima del prossimo incontro tra i presidenti di Russia e Turchia, ha dichiarato Dmitry Kiselev, direttore generale dell'agenzia russa di stampa internazionale Rossiya Segodnya.

"Se parliamo di creare un clima favorevole alla vigilia del possibile incontro di Mosca, i blitz di questo fine settimana negli uffici di rappresentanza dell'agenzia di stampa internazionale Sputnik ad Ankara e Istanbul non vanno a migliorare nulla. Sia per attivisti indisciplinati a piede libero, sia per la polizia turca", ha dichiarato Kiselev sul programma "Notizie della settimana" sul canale Rossiya 1.

"Sembra che alla vigilia dell'incontro Erdogan non si preoccupi di creare un clima favorevole. Con relazioni rovinate con l'Europa e il mondo arabo dopo essere intervenuto in Libia ed aver messo in piedi operazioni militari contro l'esercito siriano, senza tener conto dell'opinione dell'Iran e aver ricevuto solo l'approvazione a parole della Nato, il presidente turco si è lanciato in un'avventura rischiosa, che per vendetta gli Stati Uniti stanno spingendo con piacere", ha aggiunto.

Secondo Kiselev, nei rapporti con la Russia Erdogan ci ha guadagnato, ma allo stesso tempo fa "errore dopo errore".

"Non è nemmeno del tutto chiaro che si tratti di superficialità o di determinate intenzioni", ha osservato.

"Finora la Russia si è trattenuta, concedendo opportunità ad Erdogan, ma è chiaro che il Cremlino ha sempre un limite di pazienza, e ciò che a Putin non piace davvero è la mancanza di attenersi agli impegni, ma ancora peggio per lui è l'insincerità", ha detto Kiselev.

Aggressione a collaboratori di Sputnik Turchia

Ieri militanti nazionalisti, intonando slogan minacciosi, hanno fatto irruzione negli appartamenti di tre impiegati di Sputnik Turchia, tutti cittadini turchi. I giornalisti sono stati intimiditi e sono stati intimati ad interrompere la loro attività professionale con Sputnik. I collaboratori dell'agenzia non sono riusciti a mettersi in contatto all'inizio della giornata di oggi, dopodiché si è saputo che erano stati portati al palazzo di giustizia di Ankara.  Dopo l'interrogatorio, sono stati rilasciati: la Procura non ha trovato prove e reati nel loro lavoro.

Sempre oggi agenti di polizia sono entrati ​​nell'ufficio dell'agenzia di Istanbul, chiedendo un incontro con la direzione di Sputnik. Sputnik Turchia in seguito ha segnalato il fermo del suo caporedattore Mahir Boztepe. In serata è stato rilasciato.

Cremlino annuncia incontro imminente tra Putin e Erdogan

In precedenza il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha dichiarato che a metà della prossima settimana, il 5 o 6 marzo, si svolgerà a Mosca un incontro tra il presidente Vladimir Putin ed il capo di Stato turco Recep Tayyip Erdogan. Secondo Peskov, non sarà facile, ma i leader sono concentrati per risolvere l'escalation di Idlib.

Siria, escalation ad Idlib

La situazione ad Idlib si è aggravata dopo che i terroristi del gruppo fondamentalista Tahrir al-Sham il 27 febbraio hanno avviato un'offensiva su vasta scala contro le posizioni delle forze governative siriane. L'esercito siriano ha reagito al fuoco ostile. Secondo il ministero della Difesa russo, sono stati bombardati anche soldati turchi, che però non avrebbero dovuto trovarsi in questa area.

Nei bombardamenti dell'esercito siriano secondo gli ultimi dati ufficiali 36 militari turchi sono stati uccisi, più di 30 sono rimasti feriti. Immediatamente dopo aver ricevuto informazioni sui militari turchi colpiti, la parte russa ha intrapreso le misure per un completo cessate il fuoco da parte delle truppe siriane e si è assicurata l'evacuazione sicura dei militari turchi morti e feriti in Turchia. Il ministero della Difesa russo ha sottolineato che i velivoli delle forze aerospaziali russe non sono stati operativi in quest'area.

Tags:
Dmitry Kiselev, Recep Erdogan, Vladimir Putin, Idlib, Siria, crisi in Siria, Sputnik, Turchia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook