07:56 10 Aprile 2020
Mondo
URL abbreviato
7532
Seguici su

Migliaia di rifugiati provenienti dalla Siria, dal Pakistan, dall'Iran e dall'Iraq continuano a dirigersi verso i confini della Turchia con l'Europa dopo che è stato riferito che la Turchia non impedisce più il movimento di rifugiati verso l'Europa, secondo il canale televisivo Haberturk.

Sullo sfondo delle notizie secondo cui le guardie di frontiera turche non impediscono più l'attraversamento della frontiera, i rifugiati di diverse nazionalità situati in Turchia si stanno riunendo in grandi gruppi e si stanno spostando a piedi o con i trasporti verso i valichi di frontiera terrestri e marittimi che collegano la Turchia con i paesi europei, ha detto il canale televisivo. 

Segui in diretta la situazione alla frontiera tra Turchia e Grecia: 

Secondo il canale, convogli di rifugiati sono stati visti a Istanbul, Edirne, Izmir, Aydin. 

© Sputnik .
Istanbul: rifugiati siriani prendono l'autobus verso i confini europei

I rifugiati siriani vivono attualmente in vari paesi, il maggior numero nei vicini Libano, Siria, Turchia, Giordania. Quindi, nella sola Turchia ci sono circa 3,6 milioni di rifugiati, riporta Haberturk.

© Ruptly .
Turchia: rifugiati siriani si dirigono verso la Grecia

Il ministero degli Esteri della Turchia ha commentato la situazione:

"In caso di inasprimento della situazione a Idlib il flusso di profughi dalla Turchia verso l'Occidente potrebbe continuare. Per quanto riguarda i migranti, la politica del nostro Paese, che accoglie il numero più elevato di profughi, è rimasta invariata".

I capi di Stato e di governo degli Stati membri dell'UE a metà marzo 2016 hanno concordato con la Turchia un piano comune per combattere la crisi migratoria. L’UE in particolare fornisce assistenza finanziaria ad Ankara per ricevere i rifugiati. Il piano inoltre prevede il ritorno in Turchia di tutti gli immigrati clandestini che sono arrivati ​​in Grecia dal territorio turco e l'accoglienza da parte dell'UE di migranti siriani legali dalla Turchia su una base di parità.

In precedenza, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha dichiarato che la Turchia non è stata in grado di adempiere a diversi impegni chiave per risolvere i problemi relativi a Idlib. In particolare, non ha dissociato l'opposizione armata, che è pronta per il dialogo con il governo nel quadro del processo politico, dai terroristi.

Quindi, nel memorandum russo-turco del 18 settembre 2018, concordato dall'incontro dei presidenti Putin ed Erdogan, è stato affermato che lo status quo per la presenza delle forze armate turche viene mantenuto, ma a condizione della ritirata di tutti i gruppi radicali terroristici dalla zona di Idlib entro il 15 ottobre 2018. È stato inoltre stabilito che "saranno prese misure efficaci per garantire una cessazione delle ostilità stabile" all'interno dei confini di questa zona. La clausola 7 del memorandum prevedeva pattuglie congiunte russo-turche nell'area.

Correlati:

Idlib, forze armate turche erano insieme ai terroristi quando attaccate dai siriani - min. Difesa
Siria: 33 militari turchi uccisi da un attacco aereo siriano a Idlib
253 sospetti di terrorismo espulsi dalla Turchia in 4 mesi
Tags:
Siria, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook