00:37 08 Aprile 2020
Mondo
URL abbreviato
0 26
Seguici su

L'azienda xHamster, uno dei siti di intrattenimento per adulti più noti al mondo, ha pensato ad un'iniziativa di tipo promozionale durante l'epidemia del coronavirus. Per coloro che sono infatti in quarantena, il sito ha proposto accesso gratuito illimitato ai propri contenuti.

Prima di xHamster, il colosso canadese di PornHub aveva concesso ai propri utenti una giornata di accesso gratuito ai contenuti per San Valentino, ma questa volta il sito xHamster ha deciso di concedere un abbonamento premium gratuito a tutti coloro che vivono nelle zone infette da Coronavirus e che sono costretti alla quarantena.

"Il modo più semplice per evitare di diffondere il virus è evitare il contatto diretto con altre persone, che è dove il porno può aiutare. Sappiamo che il desiderio sessuale umano è uno dei più grandi motivatori per l'interazione sociale. Quando distribuito saggiamente, può servire per mantenere le persone nelle loro camere da letto e appartamenti. Ma va oltre il porno. Le società di intrattenimento hanno l'opportunità di guidare nella crisi globale della salute. Dov'è Netflix? Dov'è HBO? Dov'è Disney+? Dovremmo essere in grado di agire insieme e tenere le persone fuori dalle strade" afferma Alex Hawkins, Vice Presidente di xHamster sul sito ufficiale.

Intorno alle 16 ora italiana la compagnia ha pubblicato un tweet in cui spiega che offrirà accesso gratuito a contenuti premium a tutti coloro che si trovano al momento nelle regioni interessate dal contagio del virus, perché adesso "la vostra camera è il posto più sicuro", scrivono nel post di Twitter.

​Al momento, a livello globale, 6 sono le regioni che sono maggiormente interessate dal virus, ma la compagnia è intenzionata, in caso si evolvesse la situazione, ad ampliare il raggio degli accessi gratuiti. Tra le zone infette abbiamo la regione di Wuhan in Cina, Daegu in Corea del Sud, Teheran in Iran, Adeje, alle Isole Canarie, ma anche le regioni Lombardia e Veneto in Italia.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook