16:26 28 Marzo 2020
Mondo
URL abbreviato
2201
Seguici su

Una manifestazione a sostegno del fondatore di WikiLeaks Julian Assange è da poco iniziata a Londra in vista delle udienze per decidere sull'estradizione negli Stati Uniti del giornalista, segnala il corrispondente di Sputnik.

A mezzogiorno più di 200 sostenitori di Assange si sono riuniti all'Australia House nel centro di Londra.

I manifestanti chiedono la liberazione di Assange e si oppongono alla sua estradizione negli Stati Uniti.

Successivamente i dimostranti si sono spostati in corteo verso la piazza del Parlamento, dove sono previsti interventi di avvocati, musicisti e personaggi pubblici a sostegno delle ragioni di Assange.

Le udienze relative al caso di estradizione di Assange inizieranno nel tribunale di Londra il 24 febbraio e dureranno per l'intera settimana successiva.

Gli avvocati di Assange intendono presentare una serie di fatti relativi all'atteggiamento persecutorio del cittadino australiano da parte delle autorità americane negli ultimi dieci anni.

Le accuse contro Assange

Assange, accusato di molestie sessuali e stupro in Svezia nel 2010, accuse nel frattempo decadute, si è nascosto da giugno 2012 presso l'ambasciata ecuadoriana a Londra per paura di estradizione nel paese scandinavo. La mattina dell'11 aprile 2019, è stato arrestato su richiesta degli Stati Uniti. Un tribunale di Londra lo ha dichiarato colpevole di violazione delle condizioni della cauzione e lo ha condannato a 11 mesi di carcere. Le udienze per l’estradizione sono iniziate il 2 maggio.

Le autorità statunitensi hanno dichiarato alla fine di maggio di aver accusato Assange di violazione di 17 articoli della legge sullo spionaggio e la divulgazione d'informazioni classificate. In precedenza, era stato accusato di cospirazione per azioni di hackeraggio. In caso di estradizione negli Stati Uniti, Assange rischia molti anni di prigione.

Segui la diretta di Sputnik dalla città:

Tags:
Manifestazione, Londra, Julian Assange, Wikileaks
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook