16:59 28 Marzo 2020
Mondo
URL abbreviato
206
Seguici su

Huawei ha interrotto l’uso di software di Google, comprese le più recenti versioni del sistema Android, dopo che gli Stati Uniti hanno avviato la loro campagna di repressione contro il colosso della tecnologia cinese nel maggio 2019.

Google ha pubblicato un disclaimer volto a chiarire la situazione in corso con Huawei, inserita nella lista nera del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti dallo scorso anno.

Nel post, Tristan Ostrowski, direttore legale per Android e Google Play, ha ricordato che a Google è vietato lavorare con Huawei "per i nuovi dispositivi o fornire app di Google come Gmail, Maps, YouTube, Play Store preinstallate o per il download su questi dispositivi".

Pur smettendo di speculare sul fatto che Huawei rappresenti una minaccia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, Ostrowski si è invece concentrato sulla "protezione della sicurezza degli utenti di Google sui milioni di dispositivi Huawei esistenti in tutto il mondo".

Ha osservato che la sua azienda "ha continuato a collaborare con Huawei, in conformità con le normative governative, per fornire aggiornamenti di sicurezza e aggiornamenti alle app e ai servizi di Google sui dispositivi esistenti" e che "continueranno a farlo finché sarà consentito".

In tale ottica, Ostrowski ha ricordato che la legislazione statunitense attualmente consente a Google di "lavorare con Huawei solo su modelli di dispositivi disponibili al pubblico entro il 16 maggio 2019".

Ha aggiunto che le restrizioni del governo degli Stati Uniti stabiliscono che le app e i servizi di Google non saranno disponibili "preinstallate o per il sideload" sui nuovi smartphone Huawei che sono considerati "non certificati".

Ostrowski ha avvertito che "le app Google installate con sideload non funzioneranno in modo affidabile perché non consentiamo l'esecuzione di questi servizi su dispositivi non certificati in cui la sicurezza potrebbe essere compromessa" e che "il sideload delle app di Google comporta anche un rischio elevato d'installazione di un'app che è stata alterata o manomessa con modalità che possono compromettere la sicurezza dell'utente ”.

Ha spiegato che tutti quegli utenti che vogliono verificare se i loro dispositivi sono certificati dovrebbero aprire l'app Google Play Store sui loro telefoni Android, andare a "Menu" e cercare "impostazioni". Li aiuterà a scoprire se i loro dispositivi sono certificati sotto la "certificazione Play Protect", ha concluso Ostrowski.

Correlati:

Okay Google: dove sono gli alieni? Ufologi usano servizi Google per trovare gli alieni in Antartide
Rivelate le immagini del nuovo telefono Google Pixel 4A
Huawei firma accordo con l'olandese TomTom per creare alternativa a Google Maps
Tags:
Google
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook