09:01 10 Aprile 2020
Mondo
URL abbreviato
Coronavirus - 2020 (fine gennaio - 20 marzo) (374)
266
Seguici su

Un paziente infetto da coronavirus ricoverato all’ospedale di Chengdu, in Cina, è stato dimesso perché ritenuto guarito. Testato durante il periodo di quarantena a casa, è risultato sorprendentemente nuovamente positivo al virus. Diagnosi di guarigione sbagliata? Oppure ci sono ipotesi più inquietanti?

In teoria non dovrebbe essere possibile prendere lo stesso identico virus due volte di seguito. Per il semplice motivo che una volta sconfitto, nell’organismo restano gli anticorpi ‘reduci’ della battaglia. Gli anticorpi non sono altro che quelle immunoglobuline presenti nel sangue che aggrediscono il virus quando lo individuano. Affrontano il nuovo nemico cercandone la chiave per disattivarlo. Una volta sconfitto rimangono con la chiave in memoria così che quanto il nemico si ripresenta lo riconoscono già e sanno subito come affrontarlo. Questo il motivo per cui una volta ‘fattisi gli anticorpi’ e vinto il virus, questi non ha più possibilità di impensierire. Ogni volta che proverà a tornare, si troverà sempre in minoranza contro tutti gli anticorpi già schierati e pronti a coglierlo al varco.

Eppure, ne dà notizia la Reuters, un paziente di Chengdu, nella provincia del Sichuan (Cina centrale), pare proprio sia stato trovato nuovamente positivo al coronavirus dopo essere stato dimesso dall’ospedale perché giudicato guarito. E’ stato il centro clinico di salute pubblica della città a darne notizia venerdì scorso secondo la nota agenzia.

Pare per altro che non sia neppure un caso isolato. Risulta che casi simili siano già stati registrati in altre regioni, ha affermato lo stesso centro clinico.

Casi come quello di Chengdu dovrebbero essere imputabili con ogni probabilità ad una errata valutazione dei medici e una troppo precoce dimissione dall’ospedale, oppure da una deficienza immunologica del paziente specifico, molto poco probabile che possa aver ricontatto la malattia una seconda volta o che questa possieda la 'dote' di rigenerarsi, nascondere o camuffarsi.

Ad ogni buon conto la Commissione nazionale della sanità cinese raccomanda ai pazienti guariti di continuare a monitorare la propria salute per altri 14 giorni, indossare maschere e ridurre le attività all'aperto anche dopo dimessi.
Tema:
Coronavirus - 2020 (fine gennaio - 20 marzo) (374)
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook