05:30 26 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
105
Seguici su

La Turchia non conferma le informazioni su una nave che sarebbe stata affondata dopo un attacco missilistico da parte delle forze di Haftar, ha dichiarato il portavoce della Presidenza turca, Ibrahim Kalin.

Nella giornata di martedì l’Esercito Nazionale Libico (LNA), guidato dal maresciallo Khalifa Haftar, ha affermato di aver distrutto un’imbarcazione turca caricata di armi e equipaggiamenti nel porto di Tripoli.

Ibrahim Kalin, parlando ai giornalisti, ha smentito le dichiarazioni delle forze di Haftar.

"C'è stato il tiro di disturbo, ma non c’è stato un colpo utile. E’ stato aperto il fuoco di risposta multiplo. Posso dire che dopo questo la situazione è diventata più tranquilla", ha detto Kalin, rispondendo ad una domanda sulle dichiarazioni di LNA riguardo alla distruzione di una nave turca nel porto di Tripoli.
Guerra in Libia

Al momento in Libia sono attivi due governi: il GNA di Faez al Serraj, sostenuto dall’ONU e dall’UE a Tripoli, ed il governo di Abdullah al-Thani, sostenuto dall’LNA, comandato dal maresciallo Khalifa Haftar. Lo scorso 4 aprile il maresciallo Khalifa Haftar ha ordinato alle sue forze di lanciare un’offensiva contro la capitale per "liberarla dai terroristi".

Le unità armate fedeli al governo di Tripoli hanno annunciato l'inizio dell'operazione di risposta "Vulcano di rabbia". Secondo l'OMS, il bilancio delle vittime negli scontri ha superato le 450 persone, mentre sono più di 2100 i feriti.

Lo scorso 12 dicembre il maresciallo Khalifa Haftar ha annunciato la tappa finale dell’offensiva dell’Esercito Nazionale Libico su Tripoli. Secondo il portavoce dell’LNA Al-Mundhir Al-Khartoush le loro truppe avevano "fatto progressi eccellenti" nella lotta per la capitale. Il GNA con sede a Tripoli, riconosciuto da ONU e UE, ha formalmente chiesto ed ottenuto supporto militare dalla Turchia per contrastare l’LNA.

Tags:
Turchia, Libia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook