15:50 26 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
270
Seguici su

Un giudice tedesco ha bloccato la costruzione di una fabbrica di auto Tesla in seguito alle proteste degli ambientalisti, che denunciano rischi per fauna e risorse idriche.

Neanche l'auto elettrica è a impatto zero. A pensarlo sono gli ambientalisti tedeschi che con le loro proteste hanno provocato il blocco, almeno temporaneo, della costruzione di uno stabilimento produttivo Tesla. 

Nei piani della società, la fabbrica sorgerà al posto di un bosco, situato in una regione orientale del Paese. I gruppi ecologisti della Green League si sono opposti al disboscamento dei terreni, puntando il dito contro il forte impatto ambientale provocato dalla costruzione della fabbrica. 

Nel bosco di Grunheide, nello stato di Brandeburgo, il Ceo Elon Musk aveva pianificato la costruzione del polo europeo di auto elettriche Tesla, su un'area di 300 ettari. Nell'impianto, la cui apertura è prevista nel 2021, saranno prodotte 500 mila unità all'anno e impiegate 12 mila persone. Per la costruzione, Tesla ha ottenuto il permesso di disboscamento, ma non l'autorizzazione piena. 

La corte ha quindi temporaneamente sospeso i lavori di costruzione, riservandosi di decide in successive udienze. Gli ambientalisti si oppongono al disboscamento e alla costruzione dell'impianto, asserendo che costituisce una minaccia per le risorse idriche e per la fauna locale.

Tags:
Berlino, Tesla, Germania
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook