08:21 10 Aprile 2020
Mondo
URL abbreviato
3220
Seguici su

Il ministro dei Trasporti della Siria Ali Hammoud ha annunciato oggi che l’aeroporto internazionale di Aleppo, al nord del Paese, sarà di nuovo operativo in questa settimana. Il prossimo volo per Damasco è previsto per mercoledì, il 19 febbraio.

Il ministro dei Trasporti siriano Ali Hammoud annuncia la riapertura dell'aeroporto internazionale di Aleppo, il primo volo da Damasco è previsto per mercoledì. Lo ha riportato oggi il ministero dell’Informazione siriano in un post su Facebook.

Secondo quanto riferito dal dicastero, nei prossimi giorni saranno avviati i voli di linea con destinazioni Damasco e il Cairo, la capitale egiziana.

Aeroporto chiuso per otto anni

Lo scalo di Aleppo ha sospeso i voli di linea regolari nel 2013 per via dei combattimenti in corso nelle immediate vicinanze di esso. La distanza tra Aleppo e Damasco è di 370 chilometri. Prima del conflitto armato gli aerei percorrevano questa distanza in circa 50 minuti.

La riapertura dell’aeroporto è stata possibile dopo l’operazione delle forze armate siriane che la scorsa domenica hanno ripristinato il controllo su tutto il territorio intorno alla città di Aleppo. Per la prima volta dal 2012 Aleppo è al sicuro dal fuoco dei miliziani jihaidisti che erano arroccati nei sobborghi a nord-ovest della città.

Esercito siriano continua a liberare i territori

Lo scorso 9 febbraio lo Stato Maggiore delle forze armate siriane ha dichiarato di aver ripristinato il controllo su un’area di 600 chilometri quadrati nelle province di Aleppo e Idlib, liberando questi territori dai terroristi. I militari hanno liberato anche le città chiave Saraqib, all'incrocio delle tratte internazionali M4 (Latakia-Aleppo) e M5 (Damasco-Aleppo) e grande città Maarat al-Numan. L'esercito governativo in seguito ha ripristinato il controllo dell'intera autostrada Damasco-Aleppo (M5), salvo un tratto minuscolo vicino a Maarat al-Numan, che rimane bloccato dai militari turchi.

Tags:
Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook