00:15 13 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
2010
Seguici su

La Nato non lascerà l'Afghanistan, ma potrebbe prendere in considerazione la possibilità di rivedere il numero del suo contingente, ha affermato il segretario generale dell'alleanza Jens Stoltenberg.

"Non ce ne andiamo dall'Afghanistan, ma siamo pronti a cambiare le dimensioni del contingente se i talebani dimostrano di voler fermare la violenza e scendere a compromessi", ha detto il segretario della Nato, parlando alla Conferenza sulla Sicurezza di Monaco di Baviera.

Gli Stati Uniti e i talebani hanno condotto negoziati per diversi mesi nel 2019. A Doha il rappresentante americano per l'Afghanistan, Zalmay Khalilzad e la delegazione dell'ufficio politico dei talebani, dopo otto round di negoziati, hanno concordato una bozza per un trattato di pace che includeva il cessate il fuoco, il ritiro delle truppe straniere dall'Afghanistan e l'inizio di colloqui di pace tra le parti afghane. Tuttavia a settembre, dopo una serie di attacchi terroristici commessi dai talebani a Kabul e in diverse altre città, in cui hanno perso la vita anche alcuni militari statunitensi, il presidente Donald Trump ha ordinato che i negoziati con i talebani venissero interrotti e l'accordo fosse annullato.

Impegno della Nato per migliorare le relazioni con la Russia

Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg, ha affermato che l'alleanza vuole relazioni migliori con la Russia, sebbene vi sia competizione.

"Siamo in competizione con una Russia più fiduciosa che vuole tornare in un mondo con sfere di influenza", ha detto, parlando sabato alla Conferenza sulla Sicurezza di Monaco di Baviera.

Ha sottolineato che "tutti gli alleati della Nato sono impegnati nel dialogo con la Russia". "Vogliamo ancora rapporti migliori con il nostro più grande vicino", ha aggiunto.

Tags:
Jens Stoltenberg, NATO, Russia, Afghanistan
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook